Femminicidio: a Firenze confronto organizzato da prefettura

Mattinata di confronto a Firenze sul tema 'Femminicidio e orfani per crimini domestici: la tutela delle vittime'. La conferenza regionale permanente, organizzata dalla prefettura di Firenze, è servita per fare il punto su un problema che è di stretta attualità. "E' una conferenza regionale - ha detto il prefetto di Firenze Laura Lega - alla quale sono presenti tutti gli attori che nel territorio della regione si occupano di questi temi a partire dalla Regione, l'autorità giudiziaria, le associazioni, il mondo del terzo settore che segue con attenzione il codice rosa e quanto altro. È un tema di estrema attualità, la cronaca quotidiana ci riporta un'emergenza sul tema dei crimini domestici. È necessario provvedere non solo in termini di prevenzione e repressione, ma anche di accompagnamento delle vittime". Contro la violenza sulle donne "bisogna fare molto di più. In parallelo anche sul tema della violenza ai minori abbiamo aperto un tavolo di lavoro concreto, abbiamo stipulato peraltro, nei giorni scorsi, un protocollo di intesa che punta a coordinare meglio quello che si fa, perché spesso e volentieri c'è bisogno anche di riuscire a fluidificare il meccanismo, di rendere la risposta complessiva più efficace. Questa è l'azione che vogliamo fare. Azioni di coordinamento saranno sempre più necessarie. Occorre però qualcosa di più. Occorre immaginare che anche la società civile, tutti noi come cittadini si riesca a intercettare, essere accanto alle persone che sono in difficoltà". Tra gli interventi quello del senatore Valeria Valente secondo cui "costruire un sistema integrato di risposta è sicuramente la strada maestra per provare a combattere in maniera efficace e decisa questo drammatico fenomeno della violenza maschile sulle donne".

Raffaele Cannizzaro, commissario per il coordinamento delle iniziative di solidarietà per le vittime dei reati di tipo mafioso e dei reati intenzionali violenti ha sottolineato l'importanza degli interventi riguardanti "la formazione, l'avviamento al lavoro e a sostegno delle famiglie affidatarie". Marilena Rizzo, presidente del tribunale di Firenze, ha affermato che si tratta "di un problema complesso che ha bisogno di soluzioni complesse". Il vicepresidente della Regione Toscana Monica Barni ha parlato del problema fondi, ancora bloccati: "Stiamo chiedendo a gran voce - ha detto - questi fondi. Purtroppo sono risorse che vengono erogate sempre con grande ritardo". In Toscana i fondi "ammontano intorno al milione di euro". L'assessore regionale alla Sanità Stefania Saccardi ha sottolineato gli sforzi della Regione sul tema della violenza contro le donne: "Quello sulla violenza sulle donne - ha spiegato - è un tema rispetto al quale non dobbiamo mai abbassare la guardia. Credo che in questa regione si siano fatti molti passi avanti, a partire dal codice rosa". Il vicesindaco del Comune di Firenze Cristina Giachi ha precisato che "in questi anni le istituzioni si sono molto attivate ma c'è ancora molto lavoro da fare perché purtroppo teniamo sempre scollegato il tema delle tutele legali e dell'accoglienza di chi è in difficoltà con il tema del costruire una cultura nel paese che ripudi questi fenomeni".(ANSA).

Notizia del: mar 16 lug, 2019

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

20-08-2019
Si conclude in Senato l'anno 'bellissimo'. E Salvini rilancia (di ....
20-08-2019
Sting e sua moglie Trudie saranno cittadini onorari di Figline ....
20-08-2019
Lasciare Confindustria, non significa automaticamente disdettare ....
20-08-2019
L'allarme di Sinopoli (Flc) a RadioArticolo1: "Il percorso di ....
19-08-2019
Il Tribunale di Milano rinvia in Lussemburgo la disciplina dei ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di pi¨ leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)