Regionalismo differenziato, Cgil e Flc Cgil Firenze preoccupate. Campagna di volantinaggi

Regionalismo differenziato, Cgil e Flc Cgil Firenze esprimono preoccupazione. Prosegue la campagna di volantinaggi
A fronte di un dibattito politico particolarmente incandescente per la questione del cosiddetto Regionalismo Differenziato, la Camera del Lavoro Metropolitana e la FLC Cgil di Firenze esprimono grande preoccupazione, sia per la mancanza di chiarezza rispetto ai contenuti trattati dal Governo con Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna, sia in riferimento ai reali obiettivi che le stesse Regioni intendono perseguire.
L'attribuzione alle Regioni di nuovi poteri e competenze, sulla base di intese sottoscritte dalle regioni interessate direttamente con il Governo centrale, non possono restare oggetto di discussioni ristrette e tutte interne alle dinamiche politiche, senza che l'opinione pubblica e il Parlamento vengano chiamati a partecipare al dibattito e alle scelte in materia. Proprio per tale motivo continua la nostra campagna informativa con distribuzione di materiale nei confronti di lavoratori pensionati e cittadini (giovedì 25 luglio volantinaggio in piazza Dalmazia dalle 10).
Tali intese riguarderebbero aspetti fondamentali della vita sociale e civile della nostra Repubblica: istruzione, sanità, ambiente, beni culturali... e crediamo che qualunque progetto tendente a mettere in discussione l'uniformità dei diritti sociali e civili in tutto il paese minerebbe alla radice l'unità dei principi fondamentali della Repubblica, basata sulla Costituzione, provocando maggiori e ancora più inaccettabili disuguaglianze e i cittadini tutti debbano esserne messi adeguatamente a conoscenza.
Le polemiche interne alla maggioranza sono scoppiate in modo particolare dopo che, a quanto si è appreso dalla stampa, il sistema di istruzione statale sarebbe stato escluso dalle materie destinate all'autonomia regionale; in attesa di verificarne la veridicità non si può che considerarne una buona notizia in quanto la scuola è uno dei cardini su cui si regge la coesione e l'unità di un paese intero.
I diritti civili e sociali, e i servizi pubblici non possono essere variabili regionali.
Giancarla Casini (Cgil Firenze) e Paola Pisano (Flc Cgil Firenze)

Notizia del: lun 22 lug, 2019

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

25-08-2019
E' rimasto incastrato sotto il trattore di cui era alla guida ....
23-08-2019
Un uomo di 84 anni è morto schiacciato sotto un trattore, ....
23-08-2019
“La salvaguardia idrogeologica deve essere una priorità ....
23-08-2019
Il numero di chi fugge dall'Italia è quasi quadruplicato ....
23-08-2019
Il 23 agosto 2007 ci lasciava Bruno Trentin. "Intellettuale di ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di pi¨ leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)