Unicredit. Ancora una ristrutturazione, con nuovi esuberi, 10mila non smentiti.

“Diciamo no a Piani Industriali e riorganizzazioni fatti sulla pelle dei lavoratori!”. Un no secco arriva dalle segreterie di coordinamento dei sindacati Fabi, First Cil, Fisac Cgil, Uilca, UniSin, a proposito del piano industriale fatto circolare in via ufficiosa da Unicredit. Le notizie diffuse da Bloomberg, riprese dal Sole24ore, né confermate né smentite, come si dice in gergo, il che significa ufficiosamente fatte circolare, lasciano credere che il piano sia già in fase avanzata di messa a punto e che quel numero, 10.000 lavoratori in meno, sia nelle intenzioni dell’amministratore delegato di Unicredit, Jean Pierre Mustier. A rendere ancora più grave la situazione il fatto che sono in corso le trattive per il rinnovo del contratto di lavoro.
Cosa nasconde il nuovo piano? Utili miliardari, ulteriore crescita, impegni non mantenuti

In questo quadro più che legittima la domanda dei sindacati: cosa nasconde il nuovo piano? Parlano le organizzazioni dei lavoratori di “Utili miliardari, ed in ulteriore crescita, cost-income migliore in Europa, cessione degli asset più redditizi. In cambio un Piano Industriale che sembra prevedere 10.000 posti di lavoro in meno. Tutto – afferma la nota sindacale – non è accettabile, come già dichiarato dai Segretari Generali delle nostre Organizzazioni”. E fanno notare che l’ennesimo piano industriale che si consuma solo sulla pelle dei lavoratori, risulta essere altresì insopportabile in una fase assai critica e delicata del rinnovo del Contratto Nazionale. I sindacati esprimono “una ulteriore preoccupazione che deriva dal fatto che siamo entrati nel secondo semestre dell’anno e ci avviamo verso la conclusione di Transform 2019 che, ricordiamo, si era sovrapposto al precedente Piano a scadenza dicembre 2018 e fu presentato come momento di forte discontinuità rispetto al passato”. Quello che è certo è che sono usciti, per esodo e pensionamento, migliaia di lavoratori: a fine 2019 saranno circa 12.000, complessivamente un taglio del 20% di personale. Una bella cura dimagrante, non c’è che dire.
I sindacati: “Dove sono andati a finire gli interventi annunciati, gli investimenti previsti?”

“Il risultato della riduzione dei costi, che poggiava essenzialmente sulla diminuzione del personale, è indubbiamente stato centrato; ma che dire degli altri obiettivi di efficientamento che l’azienda si era data?”. Il piano prevedeva forti investimenti (2,3 miliardi in IT), l’ottimizzazione di procedure e processi per il recupero di risorse e tempo, la semplificazione e la digitalizzazione, la rivisitazione dell’organizzazione del lavoro in una logica di complessivo miglioramento. Questi interventi avrebbero dovuto compensare, in termini di efficienza, la prevista fuoriuscita di personale. Si domandano i sindacati dove siano andati a finire gli interventi annunciati e ricordano che il “tormentone dei nostri manager, a partire dall’amministratore delegato, era: fare di più e meglio con meno persone attraverso maggiore efficienza. Secondo le dichiarazioni rilasciate, tutto sarebbe stato previsto, programmato, sotto controllo. Nulla di tutto questo si è realizzato”. In tutta sincerità, affermano i sindacati, “non possiamo dire di averci creduto più di tanto, perché dopo molti piani e diverse riorganizzazioni, spesso gestiti con improvvisazione e caratterizzati da scelte emergenziali piuttosto che prospettiche, siamo diventati scettici. fonte jobsnews.it

Notizia del: lun 29 lug, 2019

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

22-09-2019
Inaugurata stamani a Stia (Arezzo) la parte iniziale della più ....
22-09-2019
La popolazione della Versilia, sulla costa toscana, ha avvertito ....
22-09-2019
la situazione di maltempo sulla Toscana con il transito previsto, ....
22-09-2019
L'indagine definita dal Dap "complessa e delicata", ha interessato ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di pi¨ leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)