Scuola: stabilizzazione docenti, presidio di protesta oggi a Firenze

Presidio di protesta, oggi a Firenze, dei sindacati della scuola che chiedono misure per stabilizzare i docenti. Il decreto annunciato dal ministro dell'Istruzione, affermano Flc-Cgil, Cisl Scuola, Confsal-Snals e Gildsa-Unams, è atteso da migliaia di precari preoccupati della mancata approvazione del provvedimento di istituzione dei Percorsi Abilitanti Speciali (Pas). I sindacati chiedono inoltre che tali Pas siano aperti anche al personale già di ruolo. "Quest'anno in Toscana - dice Paola Pisano (Flc-Cgil) - stabilizzeranno circa 5.400 posti, ben 200 al di sotto dei posti vacanti e disponibili in regione. Ancora una volta in Toscana andrà a ricoprire posti vacanti un precariato che supererà le 8000 unità. E' evidente che manca una programmazione specifica a lungo termine". Per Giovanni Vannucci (Cisl Scuola) "dei posti che erano stati concessi dal ministero abbiamo lasciato in Toscana 1.500 posti liberi che sarebbero potuti essere stabilizzati, ma non è stato potuto fare questo perché le graduatorie del concorso Fit non erano pronte: quest'anno sono pronte e recuperiamo i posti per lo scorso anno, ma si crea un nuovo buco". I sindacati richiamano inoltre l'attenzione sul personale Ata, definendo "preoccupante" la situazione dei Dsga in Toscana. "Ne mancano - spiegano - 237 su 492 scuole totali. Sono i cosiddetti amministrativi facenti funzione, che in questi anni hanno garantito la funzionalità delle scuole, ma non stanno trovando risposte alla stabilizzazione".(ANSA).

Decreto precari, Flc Cgil Toscana e gli altri sindacati della scuola in piazza a Firenze: “Istituire i percorsi abilitanti per stabilizzare i prof”. Preoccupante anche la situazione del personale Ata

Il decreto preannunciato dal Ministro dell’Istruzione Bussetti, riguardante “Misure urgenti per i precari”, è atteso da migliaia di insegnanti precari, preoccupati della mancata approvazione del provvedimento riguardante l'istituzione dei Percorsi Abilitanti Speciali (Pas). Sono molte le cattedre in Toscana che saranno occupate da precari (oltre 8.000 quest’anno), a cui l'istituzione dei Pas speciali può rappresentare una prossima soluzione di stabilizzazione. La Flc Cgil Toscana e gli altri sindacati della scuola (che stamani hanno fatto un presidio a Firenze davanti alla Prefettura, dove sono stati ricevuti) chiedono inoltre che tali Pas siano aperti anche al personale già di ruolo al fine di permettere nuovi passaggi di ordine di scuola, perché i cosiddetti "ingabbiati" debbano avere l'opportunità dell'abilitazione.

Particolare attenzione inoltre va rivolta alla stabilizzazione del personale Ata; preoccupante è la situazione dei Dsga in Toscana, ne mancano 237 su 492 scuole totali, e dei Facenti Funzione che in questi anni hanno garantito la funzionalità delle scuole, ma non stanno trovando risposte alla stabilizzazione.

In vista del prossimo Consiglio dei Ministri, la Flc Cgil Toscana e gli altri sindacati della scuola chiedono al Governo di rispettare gli impegni presi su questi fronti. Sarebbe grave il rinvio di questo provvedimento quanto più si avvicina l’avvio del nuovo anno scolastico, con migliaia di posti scoperti e una “supplentite” che in diverse regioni non solo non è guarita, ma si aggrava proprio a causa dei ritardi nell’assumere misure adeguate. I sindacati sono pronti a proseguire la mobilitazione qualora dall’esecutivo non arrivassero risposte.

Notizia del: lun 05 ago, 2019

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

21-09-2019
Il Consiglio dei ministri ha riconosciuto lo stato di emergenza ....
21-09-2019
"Clima e ambiente, quale futuro?". Questo il titolo dell'iniziativa ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di pi¨ leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)