Lavoro Landini, Furlan e Barbagallo a Conte: subito un incontro

I segretari di Cgil, Cisl e Uil scrivono al presidente del Consiglio chiedendo un confronto in vista della prossima legge di stabilità: "Crediamo che possa anche essere l’occasione per esaminare le richieste che le nostre organizzazioni da tempo avanzano
I segretari generali di Cgil, Cisl e Uil, Maurizio Landini, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo, hanno inviato questa mattina al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, una lettera, per richiedere un incontro urgente sulla prossima legge di stabilità.
“Egregio Presidente, - scrivono i tre segretari generali - nel congratularci per la fiducia ricevuta dalle Camere al Suo governo, siamo a chiederLe un incontro urgente per poter discutere, come da Lei annunciato nel corso del discorso programmatico alle Camere, della prossima legge di stabilità e delle misure che riteniamo indispensabili per la crescita e lo sviluppo dell’economia italiana”.
“Crediamo che l’incontro possa anche essere l’occasione - aggiungono Landini, Furlan e Barbagallo - per esaminare le richieste che le nostre organizzazioni da tempo avanzano e che hanno indicato in una piattaforma sostenuta in questi mesi da una mobilitazione nei luoghi di lavoro e nelle piazze d’Italia”. da rassegna.it

Landini su Gentiloni commissario all'economia

Per Maurizio Landini, segretario generale della Cgil, quella della nomina di Paolo Gentiloni a Commissario europeo agli Affari economici, “penso che sia una buona notizia soprattutto perché vuol dire che di nuovo il nostro Paese viene visto anche dall’Europa come un Paese che può svolgere una funzione importante”. All’uscita dall’assemblea dei lavoratori Fiom della G.D. di Bologna, il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, ha commentato la designazione a Commissario europeo dell’ex presidente del Consiglio. “Tra l’altro – ha proseguito – noi come organizzazioni sindacali lo diciamo da tempo: pensiamo che sia venuto il momento di cambiare l’Europa. Essere in Europa non per lasciare le cose come prima: le politiche di austerità, le logiche che sono state affrontate in questi anni vanno cambiate. E’ il momento – ha concluso Landini – di riaprire un ragionamento che riguarda gli investimenti così come la questione della politica dei migranti: il trattato di Dublino va rivisto ed è necessario che l’Europa sociale e dei diritti si riapra”.

Notizia del: mer 11 set, 2019

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

23-09-2019
Mentre erano a bordo di un treno ha picchiato la sua ragazza ....
23-09-2019
"Donne in vetrina? Lo voglio conoscere questo signore, mi sembra ....
23-09-2019
"Il primo passo da fare, in tale direzione, è lo stanziamento ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di pi¨ leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)