Il confronto. Conte promette: meno tasse sul lavoro e lotta all'evasione

Il premier ha ricevuto i segretari di Cgil, Cisl e Uil per discutere della prossima legge di stabilità e più in generale del programma di governo. Landini: “Non si fa tutto in un mese ma ci vuole una svolta nel metodo del confronto e nei contenuti"
Giù le tasse sul lavoro, lotta all'evasione e piano straordinario per la sicurezza. Questo, in estrema sintesi, ha detto oggi (18 settembre) il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, a Cgil, Cisl e Uil (rappresentati dai segretari generali Landini, Furlan e Barbagallo) nell’incontro che si è svolto a Palazzo Chigi e a cui hanno partecipato anche il ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri, e la ministra del Lavoro, Nunzia Catalfo.
“L’ascolto delle parti sociali è un metodo di lavoro che ho adottato sin dall'inizio e che intendo proseguire. Il nostro obiettivo, infatti, è quello di remare insieme per il bene del Paese", ha rimarcato Conte.
Al centro della manovra, ha detto Conte, ci saranno temi importanti come “'alleggerimento della pressione fiscale a partire dalla riduzione delle tasse sul lavoro, una nuova agenda di investimenti 'verdi', e un piano strutturale di interventi per il Mezzogiorno”, sempre tenendo conto ovviamente di "un quadro di finanza pubblica che ci impegna con vincoli ben precisi. Vogliamo tenere i conti in ordine". "Sarà fondamentale anche – ha aggiunto – una seria lotta all'evasione fiscale. Tutti devono pagare le tasse per pagarne meno",
Molta enfasi ha posto il primo ministro sulla sicurezza sul lavoro, promettendo, tra i prossimi provvedimenti del governo, "un piano straordinario sulla sicurezza", mentre il ministro del Lavoro Catalfo, nel suo intervento ha annunciato che “sulla sicurezza del lavoro convocherò presto le parti sociali coinvolgendo il ministero della Sanità. Spero che sia l'inizio di un percorso costruttivo". Nel suo intervento Catalfo anche ricordato che la firma della convenzione sulla rappresentanza sindacale, in calendario domani all'Inps, con Cgil, Cisl, Uil e Confindustria, che dà il via alla misurazione e certificazione del 'peso' delle sigle, è "un passo importante".
"Non si fa tutto in un mese ma ci vuole una svolta nel metodo del confronto e nei contenuti. Vogliamo discutere della legge di bilancio, di riforma fiscale, di fisco per lavoratori e pensionati, di erga omnes e contrattazione, di pensioni, di buona PA, di soluzioni per le crisi aziendali", questo un primo commento di Maurizio Landini. da rassegna.it

Notizia del: mer 18 set, 2019

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

15-10-2019
Nuovo sciopero della fame per accendere i riflettori sulla situazione ....
15-10-2019
Stamani si è svolto un incontro richiesto dalle organizzazioni ....
15-10-2019
Il sistema integrato ciclovia dell'Arno-Sentiero della Bonifica ....
15-10-2019
Una app per formare i lavoratori e renderli consapevoli dei rischi ....
15-10-2019
Landini chiude l'ultimo appuntamento dell'iniziativa della Cgil. ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di pi¨ leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)