Primo sciopero al cantiere Azimut Benetti Viareggio contro il trasferimento di 45 dipendenti a Livorno

Per l'intera mattinata di oggi, 12 ottobre, i lavoratori e le lavoratrici del cantiere Azimut Benetti di Viareggio, hanno scioperato contro l'annunciato trasferimento di 45 dipendenti a Livorno.
La mobilitazione, indetta dalla Rsu del cantiere e dai sindacati Fiom Cgil e Uilm Uil, ha visto una buona partecipazione anche al presidio che si è svolto in via Coppino, nel cuore della darsena viareggina.
Al presidio ha fatto visita anche il vicesindaco del Comune di Viareggio Valter Alberici, che aveva già incontrato i rappresentanti dei lavoratori il 9 ottobre.  "Le azioni della società appaiono confuse e sbagliate" ha sottolineato Nicola Riva della Fiom Versilia. Nei prossimi giorni saranno decise altre forme di mobilitazione.

....il comunicato diffuso ieri in cui si annunciava lo sciopero

Azimut Benetti trasferisce a Livorno gli uffici. Viareggio “svuotata” si mobilita
Giovedì 12 ottobre sciopero e presidio davanti al cantiere come stabilito stamani in assemblea
Una prospettiva inaccettabile alla quale ci opporremo con tutte le nostre forze. Una prospettiva miope che indebolisce Viareggio delle sue competenze e la relega a rimanere solo un luogo di produzione, fintanto che non verrà deciso diversamente.
Oggi infatti la situazione a Livorno con un carico di lavoro importante (3 gigayacht oltre i 100 mt) non permette scelte produttive diverse, ma per il futuro niente può essere dato per scontato.
Quello che ieri ci è stato spiegato – durante l’incontro con l’azienda - e che non condividiamo, è che un bacino di 40/45 persone sarà trasferito in tempi brevi a Livorno, con i disagi e le conseguenze che chiunque può ben comprendere.
Secondo l'azienda saranno spostati: l'ufficio tecnico, l'ufficio amministrativo, l'ufficio commerciale, l'ufficio marketing. Resterà unicamente un presidio a supporto della produzione e il tutto avverrà in tempi brevi. Inoltre, cosa che ci inquieta non poco, entro fine ottobre il consiglio di amministrazione delibererà la divisione societaria tra Azimut e Benetti, segnando la discontinuità dei marchi e delle produzioni, con la definitiva assegnazione del ruolo centrale di Livorno per il marchio viareggino.
A latere, rileviamo inoltre la gravità dell'atteggiamento aziendale: per il versante Azimut nessuno si è presentato all'incontro, segno chiaro dei dissidi interni al gruppo dirigente che mette in evidenza le difficoltà per Azimut Benetti di parlare con una voce sola, dimostrando una condizione di divisione aziendale e di mancanza di dialogo interno che denunciamo come un ulteriore pericolo per i lavoratori.
Per questo, per respingere una soluzione sbagliata che cancella il patrimonio storico e occupazionale di Viareggio, come sindacato non possiamo che indire da subito lo stato di agitazione e proclamare un pacchetto di ore di sciopero finalizzato all'inversione di una rotta che rischia di portare direttamente Benetti e Viareggio ad un naufragio certo.
Fiom Cgil e Uilm Uil provincia di Lucca

Notizia del: gio 12 ott, 2017

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

16-12-2017
Carige chiude, dopo due giorni di trattative, l'accordo con i ....
16-12-2017
Sciopero Ataf (Firenze), adesione importante. Lulurgas (Filt ....
16-12-2017
Braccini, “il settore del gioco rappresenta la terza industria ....
16-12-2017
Quattro minorenni lucchesi sono stati fermati stamani dalla polfer ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di Internet Soluzioni Srl | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo