Migranti. Cgil: si garantisca il rispetto dei diritti umani

Massafra: "Da tempo c'è rischio di tortura o trattamenti inumani nei confronti dei migranti in Libia, per questo dopo la firma dell'accordo tra i due governi ci siamo detti contrari e preoccupati"
“Da tempo abbiamo espresso le stesse perplessità del Commissario per i diritti umani del Consiglio d’Europa Muiznieks riguardanti il rischio di tortura o trattamenti inumani e degradanti nei confronti dei migranti in Libia, e per questo dopo la firma dell’accordo tra l'esecutivo italiano e quello libico ci siamo detti contrari e preoccupati”. Così il segretario confederale della Cgil Giuseppe Massafra in una nota.
Il segretario confederale ribadisce che per la Cgil “la gestione dei flussi migratori non può basarsi sulla chiusura delle frontiere e sullo scambio di denaro per spostare il problema oltre il Mediterraneo, a scapito del rispetto dei diritti umani”.
Per Massafra “la posizione e le richieste di Muiznieks sono quindi giuste e condivisibili, ma una lettera di chiarimenti inviata dal Commissario non cancella le responsabilità in capo ai singoli Stati, membri sia del Consiglio d’Europa che dell’Ue, e alle Istituzioni comunitarie sul tema dell’immigrazione, a partire dal mancato rispetto degli impegni presi su politiche di accoglienza e reinsediamento a livello europeo”. da rassegna.it

Notizia del: gio 12 ott, 2017

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

19-10-2017
Cesare Damiano presenta il suo libro sulle pensioni con Paola ....
18-10-2017
Si chiama ''Pizzeria dal rifugiato''. E il nome non è ....
18-10-2017
"Desta seria preoccupazione il contenuto della recente mozione ....
18-10-2017
"I quesiti sono privi di efficacia e finalizzati a strumentalizzare ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di Internet Soluzioni Srl | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo