Spari a migrante: goliardata con offesa 'negro bastardo' Due tredicenni ammettono responsabilità: volevano spaventarlo

Gli hanno detto "negro bastardo" e sparato due colpi a salve da una scacciacani. Così, anche ammettendo le proprie responsabilità, i due 13enni responsabili del gesto hanno ricostruito con la polizia l'episodio del 2 agosto scorso a Pistoia quando hanno voluto spaventare un migrante che faceva footing. "E' stata una goliardata - hanno detto in sostanza agli investigatori -, non ci sono dietro motivi ideologici". I due frequentano le medie e sono italiani. Abitano con le famiglie a Pistoia, una delle quali vive in un alloggio popolare. La pistola scacciacani è del padre di uno di loro ed è stata trovata, senza il tappo rosso obbligatorio, durante le perquisizioni a casa. Trovati insieme all'arma anche 200 colpi a salve. Il 2 agosto hanno preso la scacciacani. Prima di transitare nei pressi della chiesa di Vicofaro, avevano fatto una 'sessione' di spari a salve in un terreno dietro una palestra, per passare il tempo. Poi, spostandosi in bicicletta, hanno incrociato il migrante, il gambiano Buba Ceesay che si stava allenando, e hanno esploso i colpi.(ANSA).

Notizia del: gio 09 ago, 2018

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

18-08-2018
Nel giorno dei funerali di Stato, non si ferma il tragico computo ....
18-08-2018
Visita particolarmente gradita stamani al presidio dei lavoratori ....
18-08-2018
"Ribadiamo il nostro no alla riapertura dell'inceneritore di ....
18-08-2018
Impiegava operai forestali a nero e senza le adeguate protezioni. ....
17-08-2018
"La nostra posizione è, sin dall'inizio, di attesa, di ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo