Sei Toscana,150 nuovi assunti da qui al 2020. Soddisfatti Renzetti (Cgil Grosseto) e Guggiari (Cgil Siena)

L`azienda sigla laccordo coi sindacati e si dice pronta a riorganizzare i servizi Ora la parola passa all`Ato Toscana sud che deve approvare il Piano di Ambito
Ieri l'incontro con i sindacati a Siena ha prodotto un accordo condiviso, la cui applicazione dipenderà però anche dalle risposte che arriveranno da Ato riguardo al cosiddetto Piano d'ambito. Sei Toscana, gestore del ciclo rifiuti, già nei prossimi mesi, avvierà una riorganizzazione dei servizi e del personale operativo per ogni cantiere così da ottimizzare efficienza e funzionalità, come richiesto dai Comuni. «È necessario però che Ato Toscana Sud approvi al più presto il Piano di Ambito – scrivono i vertici di Sei Toscana – così da uscire da una situazione che impedisce alla società un'organica e definita pianificazione delle risorse.

Il commento all’accordo di Claudio Renzetti, segretario generale della Cgil di Grosseto
A ferragosto quando l'Italia era in ferie noi ci occupavamo di questa roba qua e lottavamo insieme a queste persone che erano state strumentalmente licenziate.
Non è stato colto da nessuno, ma in questo accordo per la provincia di Grosseto vi è un punto focale e decisamente non scontato: il tavolo e la graduatoria per le stabilizzazioni saranno unici; cioè i "lavoratori cooplat" saranno trattati al pari e insieme a quelli "diretti 6". Un atto di giustizia e una bella soddisfazione, consentitemi per una volta di dirlo, anche personale ( anche se ci tengo a precisare che in Cgil tutti e quattro i territori dell'appalto eravamo d'accordo su questo punto e lo ritenevamo pregiudiziale per la firma).
Fatti i dovuti passaggi con i lavoratori ( il primo c'è già stato ieri sera), adesso lavoreremo perché quanto sottoscritto diventi esigibile.
Una cosa la voglio e devo dire ai sindaci: valutate con oculatezza ma, per favore, decidete il tipo di servizio che volete nel vostro territorio: solo se il servizio è stabile noi possiamo provare a pretenderci sopra lavoro stabile per realizzarlo e avere lavoratori esperti conviene a tutti.
Un'altra cosa la voglio dire a privati e cooperative dell'appalto senza nemmeno incazzarmi: retribuite i lavoratori con il contratto di settore e dategli anche gli arretrati dovuti, altrimenti entro l'anno ci vediamo in tribunale.
Ai fenomeni del " sindacato un serve a gnente" invece non ho da dire nulla. Pregate solo cristo di poter continuare felicemente a pensarlo; altrimenti salteremo le ferie anche il prossimo ferragosto e proveremo a fare qualcosa anche per voi. Non saresti i primi.
Tratto dal profilo facebook

Il commento di Claudio Guggiari, segretario generale Cgil Siena
Un accordo che da ragione a chi durante le ferie “degli altri” si è mobilitato per sostenere l’occupazione stabile e la dignità dei lavoratori! Sono contento di essere stato in prima linea come CGIL Siena, insieme a NIdiL e FP CGIL anche in questa vicenda. Grazie ai Lavoratori che hanno capito che solo insieme possiamo continuare a lottare: da soli si perde sempre e comunque. Un reddito certo attraverso il diritto costituzionale e sociale al lavoro dovrebbero essere un impegno per tutti. Servizi efficienti e meno costosi per i cittadini passano anche da un’occupazione stabile e qualificata oltre che da programmi e piani industriali chiari.
Tratto dal profilo facebook

Notizia del: gio 13 set, 2018

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

15-11-2018
Il 30 novembre si terranno gli attivi unitari sulle priorità ....
15-11-2018
Un patto per la tutela dei cittadini tra l'ufficio del difensore ....
15-11-2018
I lavoratori di Inso e Sof hanno partecipato compatti alle tre ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo