Perché conviene l'economia circolare. Per l'Italia buone carte da giocare

L'Italia ha buone carte da giocare nel nuovo paradigma dell'economia circolare: i motivi che pongono il nostro Paese in prima fila
Di economia circolare si parla ancora poco nel nostro Paese, ma è un ambito in cui l'Italia ha buone carte da giocare. Siamo il Paese con il più basso consumo di materiali grezzi in Europa, tra i più bravi ad estrarre valore dalle risorse utilizzate, al primo posto per circolazione di materiali recuperati all'interno dei processi produttivi e si stima che l'industria del riciclo produca l'1% circa del Pil. Sono i numeri a dire che il nostro Paese è un punto di riferimento in Europa quando si parla di economia circolare.
Abbiamo il più basso consumo domestico di materiali grezzi: 8,5 tonnellate pro-capite contro le 13,5 della media europea. Siamo tra i più bravi ad estrarre valore dalle risorse utilizzate: 3,34 euro per ogni kg di risorse, contro un valore medio europeo di 2,20 euro per kg. Siamo al primo posto per circolazione di materiali recuperati all'interno dei processi produttivi: il 18,5% di riutilizzo contro il 10,7% della Germania. Sulla totalità dei rifiuti prodotti (129 milioni di tonnellate), solo il 21% viene avviato allo smaltimento (contro il 49% della media europea). Sulla totalità dei rifiuti trattati, l'Italia ne avvia al riciclo il 76,9% (il 36,2% nella media Ue). Nel 1999 il 68% dei rifiuti urbani veniva mandato direttamente allo smaltimento, ma oggi questa percentuale è scesa all'8% circa. Si stima che la sola industria del riciclo produca 12,6 miliardi di euro di valore aggiunto (circa l'1% del Pil).
Nel 2017 il 48% degli italiani ha acquistato o venduto beni usati, con una crescita dell'11% rispetto al 2016: un mercato che vale 21 miliardi di euro (l'1,2% del Pil). Il 42% degli acquisti è avvenuto online. Gli iscritti a servizi di car sharing sono raddoppiati in due anni: da 630.000 nel 2015 a 1.310.000 nel 2017.
Il tema dell'economia circolare suscita notevole interesse tra gli imprenditori, come emerge da una indagine del Censis volta a cogliere gli orientamenti e il sentiment di un panel qualificato di 1.073 soggetti che occupano posizioni di rilievo nel panorama socio-economico del Paese (imprenditori, liberi professionisti, docenti universitari, dirigenti d'impresa e funzionari pubblici). Il 40% sa bene di che cosa si tratta. Il 70% ritiene che non riguardi solo il recupero, riciclaggio e riuso dei materiali, ma anche la produzione di beni. Per il 78% il principale vantaggio dell'economia circolare sarà la salvaguardia dell'ambiente, ma ancora pochi sono consapevoli che potrà avere un impatto sul Pil e sull'occupazione. Per il 73% si imporrà solo se la politica creerà condizioni favorevoli (i giovani chiedono vantaggi economici evidenti, mentre gli over 65 anni privilegiano azioni che incidano sulla sensibilità collettiva). Per il 60% spetta all'Unione europea guidare il cambiamento. La sharing economy (40%) e la decarbonizzazione (36%) sono i processi innovativi maggiormente correlati.
È quanto emerge dal 5° Rapporto Agi-Censis «Perché all'Italia conviene l'economia circolare», realizzato nell'ambito del programma pluriennale «Diario dell'innovazione» della Fondazione Cotec, che indaga la reazione degli italiani di fronte ai processi innovativi, presentato oggi nel corso dell'Opening Event Groundbreakers Pioneers of the Future della Maker Faire Rome 2018, il più importante spettacolo al mondo sull'innovazione. com

Notizia del: ven 12 ott, 2018

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

15-12-2018
Con l'abbattimento dell'ex inceneritore e la realizzazione della ....
15-12-2018
"Sono pronto a incatenarmi di fronte al ministero delle Infrastrutture ....
15-12-2018
Un operaio di 57 anni è morto stamani nel Pisano, intorno ....
15-12-2018
Sciopero gli autisti Ataf oggi (15/12),dalle 18 alle 22. I sindacati ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo