Pomodoro: il made in Italy fa oltre 3 miliardi fatturato Borsa, top mondiale dopo California con Mutti, La Doria e Petti

La salsa di pomodoro 'made in Italy' è la seconda al mondo dopo quella californiana, con 61mila ettari messi a coltura per pomodoro da industria (-6% sul 2017), 4,6 milioni tonnellate di materia prima trasformata e un fatturato di 3,15 miliardi di euro. Lo si legge nel bollettino periodico di Borsa Italiana, in cui viene indicato che "il 50% del pomodoro in Europa si lavora in Italia e la metà di quello che produciamo lo esportiamo all'estero". In totale in Italia si produce il 14% della produzione mondiale di pomodoro e la cosiddetta 'passata' è il prodotto più venduto (56% del mercato), ed è cresciuta dell'1,8% in volume rispetto al 2017. Il 70% del pomodoro in Italia è trasformato dagli 80 tra grandi, medi e piccoli produttori riuniti nell'Associazione Nazionale Industriali Conserve Alimentari Vegetali (Anicav). Tra questi Borsa Italiana cita la parmigiana Mutti, definita come "leader di mercato in un settore che punta sui prodotti di nicchia e su una generale attenzione alla qualità". Per il 2018 l'Azienda parmigiana prevede un fatturato di 340 milioni, con 300 lavoratori occupati stabilmente, 1.500 nel culmine della lavorazione, periodo in cui si realizza il 100% della produzione e l'80% dei prodotti finiti. Il pomodoro infatti si raccoglie in pieno campo tra agosto e settembre, poi ci sono pochi giorni per metterlo in bottiglia e preservarlo. A pochi passi da Parma ha uno stabilimento anche La Doria, azienda fondata ad Angri, in provincia di Salerno, una delle capitali italiane della trasformazione del pomodoro. L'azienda, quotata in Borsa sul segmento Star, ha chiuso il 2017 con un fatturato di 669 milioni di euro e può contare sul lavoro di oltre 700 persone a tempo pieno, oltre a più di 300 lavoratori stagionali. Borsa italiana cita infine l'azienda guidata dal 37enne Pasquale Petti, nata in Campania, che oggi ha sede come Italian Food in Toscana, dove opera con uno stabilimento rilevato da Arrigoni nel 1975. Petti prevede un fatturato 2018 di 60 milioni, in rialzo del 123% rispetto al 2013, anno in cui è stato lanciato il marchio.(ANSA).

Notizia del: lun 21 gen, 2019

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

20-02-2019
Per la Bekaert "nessun passo avanti è stato fatto per ....
20-02-2019
La Regione Toscana finanzierà anche per il 2019 i campi ....
20-02-2019
Un anno positivo alle spalle, che ha fatto registrare un aumento ....
20-02-2019
Erano presenti tutti i sindaci o delegati diei Comuni della costa ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo