Mafia: largo comune Bagno a Ripoli (FI) intitolato Emanuela Loi Agente polizia donna morì nella strage di via D'Amelio

Si è svolta oggi a Bagno a Ripoli (Firenze) la cerimonia di intitolazione del largo comunale di via Fratelli Orsi a Emanuela Loi, cagliaritana, prima agente della polizia di Stato morta in servizio, uccisa dalla mafia insieme a Paolo Borsellino e ai colleghi della scorta nella strage di via D'Amelio. Tra i presenti, il questore di Firenze Armando Nanei, il sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini, i rappresentanti dello Spi Cgil e di Auser, promotori dell'iniziativa, e gli studenti di alcune scuole. La cerimonia si è aperta con il picchetto d'onore della polizia di Stato, e la lettura della motivazione del conferimento a Emanuela Loi della medaglia d'oro al valore civile. Sindaco e questore hanno poi scoperto la targa che a partire da oggi da vita a 'Largo Emanuela Loi'. Il primo cittadino lo ha definito un nuovo luogo della memoria, che rinnova l'impegno della comunità ripolese nella lotta alle mafie e nella promozione della cultura della legalità. Il questore ha sottolineato nel suo intervento come Emanuela Loi non sia morta "sul lavoro", ma "per il lavoro", per garantire "pace, giustizia e libertà".(ANSA).

Notizia del: gio 16 mag, 2019

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

24-05-2019
Oltre cinquecento agricoltori e cento trattori, provenienti da ....
24-05-2019
Quattro lavoratori in nero sono stati scoperti dalla polizia ....
24-05-2019
E' convocato per domani nella sede della Regione Toscana a Firenze ....
24-05-2019
La spesa media dei toscani oggi è inferiore di oltre mille ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo