Geotermia: Enel Green Power ritira da Via progetto per nuovo impianto su Amiata. Sarà aggiornato a nuove norme

Enel Green Power ha ritirato il progetto della centrale geotermoelettrica di Piancastagnaio (Pc6), in provincia di Siena, dalla Valutazione di impatto ambientale (Via) in corso presso la Regione Toscana. In una nota l'azienda informa che il ritiro "è dovuto semplicemente alla necessità di rispondere alle richieste derivanti dal nuovo quadro normativo e regolatorio, a livello regionale e nazionale". Come ribadito nella comunicazione ufficiale inviata ieri da Enel Green Power alla Regione Toscana, "nel corso dell'iter non sono emersi rilievi di elementi di criticità ambientale ostativi al progetto stesso". L'azienda dunque, si legge ancora nella nota, "conferma peraltro l'interesse allo sviluppo dell'area e, non appena le condizioni lo consentiranno, potrà ripresentare un progetto aggiornato e rispondente alle nuove esigenze definite dall'evoluzione della cornice normativa e regolatoria".(ANSA).

Geotermia:comitato,ritiro piano Enel dà scenari preoccupanti
"Al di la delle decisioni di Enel che è normale che faccia le scelte più opportune sul piano economico e industriale, il ritiro dell'azienda del progetto di Pc6 apre scenari ancora più preoccupanti in una situazione già di per sé critica". Così il comitato GeotermiaSì commenta, in una nota, la notizia del ritiro da parte di Enel Green Power del progetto della centrale geo-termo-elettrica di Piancastagnaio (Pc6) dalla Valutazione di impatto ambientale in corso presso la Regione Toscana. Secondo il comitato che difende le attività geotermiche in Toscana, "va così in fumo, con gli investimenti che questo progetto avrebbe attivato, l'unica possibilità per le aziende e per l'economia dei nostri territori di arrivare al rinnovo delle concessioni del 2024 in modo quasi indolore". Alla luce di questa decisione, GeotermiaSì si chiede "in mancanza del rinnovo degli incentivi in un ipotetico Fer2 quali e quanti potranno essere gli investimenti di Enel nella geotermia in Toscana di qui ad allora?". Per il comitato, inoltre, nel luglio 2018, la Via per il progetto Pc6 era pronta in Regione per la firma. "Cosa sarebbe successo - si chiede la nota - se il governatore Rossi l'avesse firmata allora senza rimandare l'atto come sembra abbia fatto a causa di impegni concomitanti?". GeotermiaSì chiede infine che in occasione del consiglio regionale straordinario, in programma a Larderello (Pisa) il 24 luglio, siano date delle risposte.(ANSA).

Notizia del: gio 11 lug, 2019

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

23-07-2019
"La mancata adozione di interventi correttivi in tempi brevi ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo