QUATTRO ORE DI SCIOPERO ENTRO IL 15 NOVEMBRE IN PIAZZA PER LA QUALITA' DEL NOSTRO FUTURO
mar 22 ott, 2013
Di: Alessio Gramolati

CGIL CISL UIL hanno proclamato 4 ore di sciopero, con grandi manifestazioni territoriali entro la metà di novembre. Lo sciopero sarà preceduto da una capillare campagna di informazione, con assemblee nei luoghi di lavoro, volantinaggi, iniziative nelle città e nei territori.
Lo sciopero ha come obiettivo la richiesta di modifiche alla Legge di Stabilità. Un fatto semplice, concreto: si chiede una scelta politica che rilanci lo sviluppo. Per farlo si devono trovare risorse da destinare a questo scopo. Come la riduzione del cuneo fiscale, in modo molto più consistente dei 10 euro medi mensili annunciati.
E' noto al governo come è chiaro all’opinione pubblica: chiediamo una manovra più equa, più attenta alle fasce deboli, a partire dai lavoratori e pensionati. Più incisiva sulla crescita e quindi più vicina al bisogno di lavoro che emerge dal Paese, in primo luogo per i giovani.
Un comportamento lineare, coerente con la ragion d’essere del miglior sindacalismo confederale.
Il governo si stupisce che venga proclamato uno sciopero per queste ragioni? Fa il pesce in barile, noi in Toscana diciamo il finto tonto. Sostiene che le modifiche sono compito del parlamento. Bella scoperta! Questo parlamento di modifiche ne dovrebbe fare diverse, in vari campi, ma i pochi risultati dimostrano la scarsa propensione a cambiare nel senso di una maggiore efficienza, giustizia ed equità.
Lo sciopero serve per ricordare alla politica e a chi ha il dovere di governare che la cosa prioritaria da fare è gettare le basi per rilanciare, per sostenere il lavoro.
Lo sciopero serve per sottrarre ai giochi di palazzo la vita concreta di milioni di giovani, lavoratori e pensionati. Dalle scelte contenute in questa manovra dipende la qualità della vita di milioni di persone, la qualità del loro futuro.
Tutte cose semplici, che richiedono una modifica importante e che siamo costretti a sostenere con la lotta, pur consapevoli del sacrificio che chiediamo in un momento difficile. Ma è l'unica arma che abbiamo per sostenere in modo adeguato le nostre ragioni.
 

Leggi on line la piattaforma unitaria dello sciopero

Condividi questo contenuto

In questa pagina

Le ultime notizie

21-02-2020
Un anno di lavori e 20 milioni di investimento per pavimentare ....
21-02-2020
Adesso ci sono le condizioni perché nell’impianto di Rimateria ....
21-02-2020
E' un vortice polare che ha raggiunto valori da record il responsabile ....
21-02-2020
Antonella Giachetti è la nuova presidente di Aidda Toscana, l'associazione ....
21-02-2020
In Toscana la spesa farmaceutica è calata notevolmente dal 2016 ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB® di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Français     Deutsch     Español     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)