CONTRATTAZIONE INCLUSIVA, ASPETTARE NON E' PIU' POSSIBILE
lun 25 nov, 2013
Di: Progetto Giovani Cgil Toscana

Nell'assortito repertorio delle accuse indirizzate alla Cgil in merito alle co-responsabilità del sindacato per l'attuale situazione (disastrosa) economica italiana, una spicca su tutte: la Cgil non tutela i precari e in generale non si interessa dei lavoratori atipici. Fingiamo per un attimo che tale "provocazione intellettuale" non venga blaterata in modo ossessivo dallo stesso sistema di potere che negli ultimi 20 anni ha "governato" l'Italia. Se si prova a rimettere insieme i pezzi, e spinti dalla necessità di essere sintetici, potremmo dire che il sistematico attacco ai diritti delle lavoratrici e dei lavoratori, in nome della competitività, ha generato una "giungla" di contratti e norme, difficile anche da descrivere nella sua complessità. Davanti a tali sfide i soggetti istituzionali, politici e sociali hanno scoperto di essere impotenti. Il resto, almeno per quello che riguarda la nostra organizzazione, è storia nota. La Cgil, negli ultimi anni, ha percorso diverse strade e possibili soluzioni, ottenendo anche dei risultati importanti. Tuttavia, malgrado gli sforzi, la crisi economica ha ricordato, in modo drammatico, l'impellente necessità di offrire tutela sindacale agli "esclusi".
Quando, alla fine del corso di formazione organizzato dalla Cgil Toscana, ci rendemmo conto che tutti vedevamo il potenziamento della contrattazione inclusiva nella nostra Regione come punto focale, sapevamo di "puntare alto". Questo è stato il nostro approccio non appena abbiamo pensato il progetto che inizia con il laboratorio di giovedì prossimo. Sappiamo che questo è solo un "pezzo" del nostro percorso e che ancora tanti pezzi andranno aggiunti, ma sappiamo anche che aspettare non è più possibile. La difficile situazione di milioni di lavoratrici e lavoratori italiani suggerisce, anche agli osservatori più distratti, che includere i lavoratori meno tutelati nella contrattazione aziendale e sociale può fare la differenza tra "amare" e "odiare" il proprio lavoro. La nostra idea di contrattazione inclusiva probabilmente non ci permette di "contrattare" per intero la felicità dei lavoratori, ma ci avvicina senz'altro ad un mercato del lavoro più equo, più sostenibile per ogni lavoratore. Noi, più modestamente, con tutte le compagne e i compagni della Cgil, vogliamo essere corpo concreto della contrattazione inclusiva nel territorio toscano, convinti che solo partendo dal lavoro e dalla sua tutela siamo stati e saremo in grado di modificare la condizione materiale delle persone.

di Luca D'Onofrio, Marusca Gaggi e Giuseppe Martelli

(Coordinatori Progetto Giovani Cgil Toscana)

Condividi questo contenuto

In questa pagina

Le ultime notizie

26-02-2020
Sostegno diretto alle start up, sconti fiscali, costruzione distretti ....
26-02-2020
Massima collaborazione e definizione al pi¨ presto di misure ....
26-02-2020
Si Ŕ riunito oggi alla Spezia, presso la sede dell'AutoritÓ di ....
26-02-2020
Per consentire l'operativitÓ dei cantieri sulla linea Firenze ....
26-02-2020
"Tra l'azione costante di promozione e valorizzazione delle nostre ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di pi¨ leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)