Il Parlamento ha dimenticato la Carta dei diritti
Di: Cgil
lun 20 mag, 2019
carta diritti

“Nonostante le promesse elettorali, i diritti dei lavoratori restano fermi. Si varano condoni fiscali, si criminalizzano le persone che fuggono dalla morte e chi le salva, si liberalizza l’uso delle armi per legittima difesa, ma non si trova tempo per discutere e approvare una legge che consenta ai lavoratori di difendersi e di avere diritti e tutele di base. Noi non ci arrendiamo e continuiamo a batterci sempre dalla parte dei lavoratori”. Lo scrive la Cgil sul suo profilo facebook il 20 maggio, nel 49esimo anniversario dell’approvazione dello Statuto dei lavoratori.

“Era il 1970, fu il frutto del grande lavoro di giuristi, sindacati e politici che stavano davvero dalla parte dei lavoratori”, sottolinea il sindacato ricordando che tre anni fa, nel 2016, “la Cgil insieme a un gruppo di giuristi ha stilato una proposta di legge per un nuovo Statuto in linea con i lavori di oggi, la Carta dei diritti universali del lavoro, che aggancia i diritti non più al tipo di contratto, ma ‘al lavoratore’, sia esso dipendente, partita Iva, rider, somministrato”. Una proposta ancora oggi ignorata, conclude il sindacato, nonostante fosse sostenuta da “oltre un milione di firme concrete, non sul web”.

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

13-12-2019
Un altro sguardo sul 1969. I territori sociali del conflitto ....
12-12-2019
Al via la procedura per la costruzione del nuovo ospedale di ....
12-12-2019
“Gli asili nido non sono un percorso educativo garantito ....
12-12-2019
Landini partecipa alle iniziative nell'anniversario della strage. ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di pi¨ leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)