Open Data Inail: Gen - Giu 2019; Toscana, 29 infortuni mortali (-1 su 2018)
Incidenti mortali gen ago 2017

TOSCANA GENNNAIO - GIUGNO 2019
Nel periodo Gennaio Giugno, primi sei mesi dell'anno, sono stati 29 gli infortuni mortali secondo i dati resi noti oggi dall'Inail. In crescita invece le denunce di infortunio, nel periodo sono state 24.899, + 248 sullo stesso perio dell'anno scorso. In crescita anche le denunce di malattie professionali: sono state da gennaio a giugno di quest'anno 4.266, 186 in più dello stesso periodo del 2018.

SCARICA LA TABELLA INFORTUNI GEN GIU 2019

SCARICA LA TABELLA MALATTIE PROFESSIONALI GEN GIU 2019

.

.

.

=====================

ITALIA GENNAIO GIUGNO 2019

In sei mesi 323.831 denunce di infortunio, 482 i morti sul lavoro

Nella sezione “Open data” del sito Inail sono disponibili i dati analitici delle denunce di infortunio – nel complesso e con esito mortale – e di malattia professionale presentate all’Istituto entro il mese di giugno. Nella stessa sezione sono pubblicate anche le tabelle del “modello di lettura” con i confronti “di mese” (giugno 2019 vs giugno 2018) e “di periodo” (gennaio-giugno 2019 vs gennaio-giugno 2018).
Gli open data pubblicati sono provvisori e il loro confronto richiede cautele, in particolare rispetto all’andamento degli infortuni con esito mortale, soggetto all’effetto distorsivo di “punte occasionali” e dei tempi di trattazione delle pratiche. Per quantificare il fenomeno, comprensivo anche dei casi accertati positivamente dall’Inail, sarà quindi necessario attendere il consolidamento dei dati dell’intero 2019, con la conclusione dell’iter amministrativo e sanitario relativo a ogni denuncia. Nel numero complessivo degli infortuni sono incluse anche le comunicazioni obbligatorie effettuate ai soli fini statistici e informativi da tutti i datori di lavoro e i loro intermediari, compresi i datori di lavoro privati di lavoratori assicurati presso altri enti o con polizze private, degli infortuni che comportano un’assenza dal lavoro di almeno un giorno, escluso quello dell’evento.

Denunce di infortunio
Le denunce di infortunio presentate all’Inail entro lo scorso mese di giugno sono state 323.831, 577 in meno rispetto alle 324.408 dei primi sei mesi del 2018 (-0,2%). I dati rilevati al 30 giugno di ciascun anno evidenziano a livello nazionale un decremento dei casi avvenuti in occasione di lavoro, passati da 277.690 a 276.043 (-0,6%), e un incremento del 2,3%, da 46.718 a 47.788, di quelli in itinere, occorsi cioè nel tragitto di andata e ritorno tra l’abitazione e il posto di lavoro. A giugno 2019 il numero degli infortuni sul lavoro denunciati è diminuito dello 0,8% nella gestione Industria e servizi (dai 245.439 casi del 2018 ai 243.591 del 2019), mentre è aumentato dell’1,3% in Agricoltura (da 15.490 a 15.694) e dell’1,7% nel Conto Stato (da 63.479 a 64.546). L’analisi a livello territoriale evidenzia una diminuzione delle denunce di infortunio nel Nord-Ovest e nel Nord-Est (-0,3% per entrambe), al Sud (-0,9%) e nelle Isole (-0,2%). Il Centro, in controtendenza, presenta un aumento dello 0,7%. Tra le regioni che hanno fatto registrare i decrementi percentuali maggiori spiccano il Molise (-5,7%) e la Valle d’Aosta (-3,2%), mentre gli incrementi più consistenti riguardano la Sardegna (+3,3%) e l’Umbria (+3,1%). Il lieve calo che emerge dal confronto dei primi sei mesi del 2018 e del 2019 è legato esclusivamente alla componente maschile, che registra un -0,4% (da 206.893 a 206.010 denunce), a differenza di quella femminile, in aumento dello 0,3% (da 117.515 a 117.821). Per i lavoratori extracomunitari si registra un incremento degli infortuni denunciati del 3,7% (da 38.340 a 39.745), mentre le denunce dei lavoratori italiani sono in calo dello 0,6% (da 273.646 a 271.887) e quelle dei comunitari dell’1,8% (da 12.421 a 12.194). Dall’analisi per classi di età emergono aumenti tra gli under 30 (+2,2%) e tra i 55 e i 69 anni (+2,8%). In diminuzione del 2,5%, invece, le denunce della fascia di lavoratori tra i 30 e i 54 anni, nella quale rientra oltre la metà dei casi registrati.

Casi mortali
Le denunce di infortunio sul lavoro con esito mortale presentate all’Istituto entro il mese di giugno sono state 482, 13 in più rispetto al primo semestre del 2018 (+2,8%). A livello nazionale, i dati rilevati al 30 giugno di ciascun anno evidenziano sette denunce in più per i casi mortali avvenuti in occasione di lavoro (da 331 a 338) e sei in più per quelli occorsi in itinere (da 138 a 144). A livello gestionale, l’Agricoltura ha registrato un aumento di 22 denunce (da 43 a 65) e il Conto Stato di una (da 7 a 8), a fronte di 10 casi in meno nell’Industria e servizi (da 419 a 409). Dall’analisi territoriale emerge un aumento dei casi mortali solo nell’Italia centrale e meridionale: 13 in più al Centro (da 91 a 104), 15 in più al Sud (da 87 a 102) e 14 in più nelle Isole (da 34 a 48). Nel Settentrione si rileva, invece, una diminuzione di un caso nel Nord-Ovest (da 124 a 123) e di 28 nel Nord-Est (da 133 a 105). A livello regionale, spiccano i 16 casi mortali in più denunciati in Sicilia e i 20 in meno in Veneto. L’analisi di genere mostra, nel confronto tra i primi sei mesi del 2019 e del 2018, un andamento opposto tra i due sessi: 23 casi mortali in più per gli uomini (da 418 a 441) e 10 in meno per le donne (da 51 a 41). In aumento le denunce di infortunio con esito mortale per i lavoratori comunitari (da 24 a 33) ed extracomunitari (da 54 a 58), mentre si conferma il dato per gli italiani, con 391 casi mortali denunciati in entrambi i periodi. Dall’analisi per classi di età emergono incrementi nella fascia 45-54 anni (+41 casi) e in quella 20-34 anni (+22), a fronte di 12 decessi in meno per i lavoratori tra i 35-44 anni e di 30 in meno per quelli tra i 55 e i 64 anni. Nel primo semestre 2019 tra gli under 20 si registra una denuncia di infortunio con esito mortale, rispetto ai nove casi denunciati nel 2018 tra gennaio e giugno. In entrambi i primi semestri sono avvenuti nove incidenti “plurimi”, espressione che indica gli eventi che causano la morte di almeno due lavoratori, con 23 vittime tra gennaio e giugno dell’anno scorso e 18 nei primi sei mesi del 2019, queste ultime tutte in ambito stradale.

Denunce di malattia professionale
Le denunce di malattia professionale protocollate dall’Inail nei primi sei mesi di quest’anno sono state 32.575, 354 in più rispetto allo stesso periodo del 2018 (+1,1%). Le patologie denunciate sono aumentate solo nella gestione Industria e servizi, da 25.161 a 25.767 (+2,4%), mentre sono diminuite in Agricoltura, da 6.675 a 6.462 (-3,2%), e nel Conto Stato, da 385 a 346 (-10,1%). A livello territoriale, l’aumento ha riguardato il Centro (+1,9%), il Sud (+0,3%), le Isole (+3,6%) e il Nord-Est (+0,4%). Il Nord-Ovest si distingue, invece, per un calo dello 0,6%. In ottica di genere si rilevano 221 denunce di malattia professionale in più per le lavoratrici, da 8.644 a 8.865 (+2,6%), e 133 in più per i lavoratori, da 23.577 a 23.710 (+0,6%). In aumento sia le denunce dei lavoratori italiani, che sono passate da 30.170 a 30.306 (+0,5%), sia quelle dei comunitari, da 674 a 766 (+13,6%), e dei lavoratori extracomunitari, da 1.377 a 1.503 (+9,2%). Le patologie del sistema osteo-muscolare e del tessuto connettivo (19.019 casi), del sistema nervoso (3.314, con una prevalenza della sindrome del tunnel carpale) e dell’orecchio (2.187) continuano a rappresentare le prime tre malattie professionali denunciate, seguite dalle patologie del sistema respiratorio (1.327) e dai tumori (1.226). Oltre 200 le denunce di malattie legate ai disturbi psichici e comportamentali e di quelle della cute e del tessuto sottocutaneo, mentre i casi di patologie del sistema circolatorio sono 131.

================

Elaborazione Vega Engineering

Sono 338 i decessi rilevati in occasione di lavoro, mentre 144 quelle in itinere. Con una media mensile di mortalità come sempre drammatica: 80 vittime al mese da Nord a Sud del Paese.
 
Le donne che hanno perso la vita nel 2019 sono 41; 16 quelle decedute in occasione di lavoro e 25 in itinere.
 
Intanto, a dominare la graduatoria con il maggior numero di infortuni mortali totali è ancora la Lombardia (72 vittime). Seguono: Lazio (50), Emilia Romagna (44), Sicilia e Piemonte (41) Veneto e Campania (39), Toscana (29), Puglia (26), Abruzzo e Marche (14), Trentino Alto Adige (12), Calabria e Umbria (11), Friuli Venezia Giulia e Liguria (10), Basilicata e Sardegna (7), Molise (5).
 
Cambia, invece, la classifica quando si considerano esclusivamente gli infortuni mortali avvenuti in occasione di lavoro. Al primo posto troviamo la Lombardia (con 50 decessi) al secondo il Lazio (37), al terzo la Campania (32). Seguono: Piemonte (30), Emilia Romagna (28), Sicilia (27) e Veneto (22).
 
La provincia in cui si muore di più è Roma (34 decessi). Ed è seguita da: Milano (21), Torino (16), Napoli (18), Verona (13) Vicenza (12), Brescia e Modena (11).
 
La provincia in cui si conta il maggior numero di infortuni mortali esclusivamente in occasione di lavoro è Roma (27 decessi). Ed è seguita da: Milano e Napoli (14), Torino (12), Palermo, Vicenza, Brescia (9), Foggia e Bolzano (8).
 
A mietere più vittime in occasione di lavoro sono: il settore delle Attività Manifatturiere (46 vittime) e quello delle Costruzioni (con 43 decessi). Seguono: Trasporto e Magazzinaggio (35) mentre nel Commercio, riparazione di autoveicoli e motocicli i morti sono 17. 
 
La fascia d’età più colpita dagli infortuni mortali sul lavoro è tra i 50 e i 54 anni (97 vittime).
 
Sono tanti, troppi, anche gli stranieri deceduti in occasione di lavoro che sono 62; mentre 29 sono quelli che hanno perso la vita in itinere.

TOSCANA GENNAIO - MAGGIO 2019

SCARICA LA TABELLA INFORTUNI GEN MAG 2019

SCARICA LA TABELLA MALATTIE PROFESSIONALI GEN MAG 2019

.

.

.

======================

MORTI SUL LAVORO IN ITALIA: 391 VITTIME NEI PRIMI CINQUE MESI DEL 2019.
SI CONFERMA ANCHE A FINE MAGGIO L’INCREMENTO RISPETTO AL 2018: + 0,5%. E SI ARRIVA AL + 3% PER GLI INFORTUNI MORTALI RILEVATI IN OCCASIONE DI LAVORO.
SONO 391 LE VITTIME RILEVATE IN ITALIA DA GENNAIO A MAGGIO. 279 GLI INFORTUNI IN OCCASIONE DI LAVORO E 112 IN ITINERE.
LOMBARDIA, LAZIO, PIEMONTE, SICILIA, EMILIA ROMAGNA, CAMPANIA E VENETO SONO ANCORA LE REGIONI IN CUI SI REGISTRA IL MAGGIOR NUMERO DI DECESSI.
LE PROVINCE PIÙ COLPITE DAGLI INFORTUNI MORTALI IN OCCASIONE DI LAVORO SONO ROMA (22), MILANO (13), NAPOLI (12), TORINO (10), PALERMO (9), FOGGIA (8), BRESCIA, FIRENZE, VERONA, VICENZA (7).
SONO 71 GLI STRANIERI DECEDUTI IN CINQUE MESI, 52 DEI QUALI IN OCCASIONE DI LAVORO. 33 LE DONNE CHE HANNO PERSO LA VITA SUL LAVORO (11 IN OCCASIONE DI LAVORO).
OLTRE LA METÀ DELLE VITTIME AVEVA UN’ETÀ COMPRESA TRA I 45 E I 60 ANNI MA L’INCIDENZA PIÙ ELEVATA DI MORTALITÀ CONTINUA A RILEVARSI CHI HA PIÙ DI 65 ANNI.

“Sono passati cinque mesi dall'inizio dell’anno e, purtroppo, i numeri sembrano confermare un’emergenza che non conosce tregua: con 391 vittime sul lavoro. Si continua a leggere una variazione con un triste segno + rispetto allo scorso anno”.
E’ la prima istantanea dell’ultima elaborazione dell’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro Vega di Mestre.
L’incremento rispetto ai primi cinque mesi del 2018, in effetti, c’è ed è pari allo 0,5%, che arriva al + 3% quando si tratta di rilevare esclusivamente le morti in occasione di lavoro: passate dalle 271 del 2018 alle 279 del 2019.
Nessun miglioramento, dunque. Anzi, il panorama sembra diventare, di anno in anno, più sconfortante. L’unica triste stabilità è la maglia nera della Lombardia per le morti in occasione di lavoro con 44 vittime ed è seguita dal Lazio (29), dal Piemonte (27), dalla Sicilia e dalla Campania (26), dall’Emilia Romagna (22), dal Veneto (19), dalla Toscana (16+6 in itinere), dalla Puglia (15), dall’Abruzzo (10), dal Trentino Alto Adige (8), dal Friuli Venezia Giulia (7), dal Molise e dall’Umbria (5), dalla Basilicata, dalla Calabria, dalla Sardegna, dalle Marche e dalla Liguria (4).
La graduatoria non differisce sul podio - e intorno ad esso - neppure quando si tratta del totale delle vittime (inclusi gli infortuni mortali in itinere). Il numero dei decessi in Lombardia arriva infatti a 59. Seguono: Lazio (43), Piemonte (37), Sicilia (35) Emilia Romagna (34), Campania (32) e Veneto (31).
Mentre sul fronte delle incidenze della mortalità rispetto alla popolazione lavorativa, la situazione appare diversa. Al primo posto troviamo il Molise con un indice pari a 47,7 (quasi quattro volte superiore alla media nazionale che è al 12,1). Ed è seguito dalla Basilicata, dall’Abruzzo e dalla Sicilia.
A livello provinciale gli infortuni mortali in occasione di lavoro colpiscono più duramente la capitale: a Roma le vittime sono 22. Seguono Milano (13), Napoli (12), Torino (10), Palermo (9), Foggia (8), Brescia, Firenze, Verona, Vicenza (7).
La maggior parte dei lavoratori aveva un’età compresa tra i 45 e i 64 anni (196 su 279). Le donne che hanno perso la vita nei primi cinque mesi del 2019 sono 33 (11 in occasione di lavoro e 22 in itinere).
Mentre gli stranieri che hanno perso la vita fino a maggio sono stati 71 (52 dei quali in occasione di lavoro). Rumeni, albanesi e marocchini i più coinvolti.
A contare più vittime straniere è il Nordovest d’Italia con 18 infortuni mortali in occasione di lavoro su un totale di 52.
I settori più segnati dall'emergenza sono quello delle Attività Manifatturiere e delle Costruzioni. Ciascuno conta 39 decessi in occasione di lavoro. Seguono: Trasporti e magazzinaggio (29) e Commercio all'Ingrosso e al Dettaglio (13).
Il giorno in cui si è verificato il maggior numero di incidenti mortali nei primi cinque mesi del 2019 è il giovedì.
Continuano ad aumentare poi gli infortuni non mortali: dai primi cinque mesi del 2018 al 2019 in Italia sono passati da 269.332 a 269.431. A Nordest viene nuovamente rilevato il dato peggiore con 84.387 infortuni.

====================

ITALIA
PRIMO QUADRIMESTRE 2019: TORNA IL SEGNO ‘+’ PER LE MORTI SUL LAVORO IN ITALIA. CRESCONO DEL 7,4% GLI INFORTUNI MORTALI RILEVATI IN OCCASIONE DI LAVORO, DEL 6% CONTANDO ANCHE QUELLI IN ITINERE.
SONO 303 LE VITTIME RILEVATE IN ITALIA DA GENNAIO AD APRILE, DI CUI 204 GLI INFORTUNI REGISTRATI IN OCCASIONE DI LAVORO E 99 IN ITINERE.
LOMBARDIA, LAZIO, CAMPANIA, SICILIA, PIEMONTE, EMILIA ROMAGNA E VENETO SONO ANCORA LE REGIONI IN CUI SI REGISTRA IL MAGGIOR NUMERO DI DECESSI IN OCCASIONE DI LAVORO. IL PODIO NON CAMBIA MOLTO ANCHE OSSERVANDO IL NUMERO COMPLESSIVO DI VITTIME (COMPRESE QUELLE IN ITINERE).
LE PROVINCE PIÙ COLPITE DAGLI INFORTUNI MORTALI IN OCCASIONE DI LAVORO SONO ROMA (16), MILANO (12), PALERMO (7), NAPOLI E VERONA (6).
56 GLI STRANIERI DECEDUTI SUL LAVORO, 40 DEI QUALI IN OCCASIONE DI LAVORO.
LA FASCIA D’ETÀ PIÙ COLPITA DAL DRAMMA DELLE MORTI BIANCHE È QUELLA CHE VA DAI 45 AI 54 ANNI MA L’INCIDENZA PIÙ ELEVATA DI MORTALITÀ SI REGISTRA TRA GLI ULTRASESSANTACINQUENNI.

Le cose, insomma, non accennano a cambiare nemmeno nel 2019, neppure la maglia nera della graduatoria nazionale delle vittime rilevate in occasione di lavoro.
Infatti, è come sempre la Lombardia ad indossarla con 35 decessi, seguita dal Lazio (23), dalla Campania (19), dalla Sicilia (17), dal Piemonte (16) e dal Veneto ed Emilia Romagna (15). La scoraggiante graduatoria continua con la Toscana (13), la Puglia (9), l’Abruzzo (8), il Trentino Alto Adige (7), l’Umbria (5), la Basilicata, la Liguria e le Marche (4), il Molise e la Sardegna (3), il Friuli Venezia Giulia e la Calabria (2).
Quando si tratta, invece, di incidenza della mortalità rispetto alla popolazione lavorativa, al primo posto si trova il Molise con un indice pari a 28,6 (più del triplo della media nazionale), seguito dalla Basilicata, dall’Abruzzo e dall’Umbria.
Le province più colpite dagli infortuni mortali in occasione di lavoro sono Roma (16), Milano (12), Palermo (7), Napoli e Verona (6), Avellino, Bolzano, Brescia, Cuneo, Firenze, Mantova, Torino e Vicenza (5), Caserta, Foggia, Monza e Brianza e Perugia (4).
Oltre la metà delle vittime aveva un’età compresa tra i 45 e i 64 anni. Le donne che hanno perso la vita nel primo quadrimestre del 2019 sono 26 (4 in occasione di lavoro e 22 in itinere).
Ad emergere anche nel primo quadrimestre 2019, è il dato sulle vittime straniere. Ebbene, come nel primo trimestre, anche nei primi quattro mesi del 2019 il risultato appare piuttosto drammatico. Sono, infatti, 40 gli stranieri che hanno perso la vita nel nostro Paese in occasione di lavoro e 16 in itinere.
A contare più vittime straniere è il Centro Italia con 12 infortuni mortali in occasione di lavoro su un totale di 40.
I settori più colpiti sono quelli delle attività manifatturiere e delle costruzioni con 30 decessi ciascuno in occasione di lavoro. Seguono: trasporto e magazzinaggio (20) e commercio all’ingrosso e al dettaglio (11).
Il giorno in cui si è verificato il maggior numero di incidenti mortali in occasione di lavoro nel primo quadrimestre 2019 è il lunedì.
Intanto, ad aumentare nel nostro Paese sono anche gli infortuni non mortali: dal primo quadrimestre 2018 al 2019 sono passati da 205.826 a 210.720. A Nordest il dato peggiore con 66.251 infortuni, seguito dal Nord Ovest (63.581).
Prima per numero di infortuni la Lombardia (40.099), seguita da Emilia Romagna (27.642) e Veneto (25.229).

====================
Gennaio-aprile 2019 Inail, in aumento infortuni e incidenti mortali. Toscana 17 mortali, più 3 su 2018
Aumentano le denunce di infortunio sul lavoro nei primi quattro mesi dell'anno, in crescita anche gli incidenti mortali. A dirlo è l'Inail, specificando che tra gennaio e aprile le denunce sono state 210.720 (in aumento di circa 4.900 casi, il 2,4 per cento in più rispetto allo stesso periodo del 2018), 303 delle quali con esito mortale (17 in più rispetto al primo quadrimestre 2018, pari al +5,9 per cento). Dall'analisi territoriale emerge un aumento dei casi mortali solo al Centro e nel Meridione del Paese: 15 in più al Centro (da 54 a 69), 17 in più al Sud (da 47 a 64) e nove in più nelle Isole (da 21 a 30). Nel Settentrione si rileva invece una diminuzione sia nel Nord-Est (da 80 a 61) sia nel Nord-Ovest (da 84 a 79). A livello regionale, spiccano i dieci casi mortali in più denunciati in Puglia e Sicilia e gli 11 in meno in Veneto. L'analisi di genere ha mostrato un andamento opposto tra i due sessi: 29 casi mortali in più per gli uomini (da 248 a 277) e 12 in meno per le donne (da 38 a 26). Quanto alle età, emergono incrementi nella fascia 45-54 anni (+35 casi) e in quella 20-29 anni (+14), a fronte di cali generalizzati nelle altre fasce.

TOSCANA

SCARICA LA TABELLA INFORTUNI GEN APR 2019

SCARICA LA TABELLA MALATTIE PROFESSIONALI GEN APR 2019

In toscana da gennaio ad aprile 2019 sono state 16.187 le denunce di infortunio, 496 in più dello steso periodo del 2.018, 17 sono stati gli infortuni morali, 3 in più sul 2018. Le denunce per malattie professionali sempre da gennaio ad aprile 2019 sono state 2.701, + 16 sul 2018.

.

.

.

=========================

SCARICA TABELLA INFORTUNI GEN .MAR 2019 TOSCANA

SCARICA TABELLA MALATTIE PROFESSIONALI GEN - MAR 2019 TOSCANA

.

.

.

ITALIA (eleborazione Vega)
MORTI SUL LAVORO PRIMO BIMESTRE 2019.

212 VITTIME. LO STESSO BILANCIO DEL 2018. E LA FLESSIONE REGISTRATA NEI PRIMI DUE MESI DELL’ANNO SEMBRA ESSERE SVANITA NEL NULLA.
144 GLI INFORTUNI MORTALI IN OCCASIONE DI LAVORO E 68 QUELLI IN ITINERE.
LOMBARDIA, SICILIA, LAZIO E VENETO LE REGIONI IN CUI SI RILEVA IL MAGGIOR NUMERO DI DECESSI IN OCCASIONE DI LAVORO. E IL PODIO NON CAMBIA ANCHE OSSERVANDO IL NUMERO COMPLESSIVO DI VITTIME, COMPRESE QUELLE IN ITINERE. ROMA, MILANO, FIRENZE, VICENZA, BOLZANO, CUNEO, NAPOLI, PALERMO E TORINO LE PROVINCE PIÙ’ COLPITE DAGLI INFORTUNI MORTALI IN OCCASIONE DI LAVORO. DUE MORTI SU DIECI SONO STRANIERI (18,1% DEL TOTALE). LA FASCIA D’ETÀ PIÙ “FRAGILE” E COLPITA È QUELLA CHE VA DAI 45 AI 54 ANNI.

“La stabilità dell’emergenza indicata dai numeri non può essere certo considerata come una positiva, o confortante, proiezione delle statistiche sulla mortalità. L’unico vero dato è che il decremento registrato nei primi due mesi del 2019 si è smarrito già nel terzo mese dell’anno. E, così, si continua a morire – troppo – in un Paese come l’Italia in cui non mancano le regole, né i percorsi formativi per applicarle. Vorrei ricordare che tutte le morti in occasione di lavoro potrebbero essere evitate con un corretto approccio aziendale nei confronti della sicurezza dei lavoratori”.
E’ il commento dell’Ing. Federico Maritan, Direttore dell’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro Vega di Mestre, innanzi all’ultima indagine – elaborata sulla base dei più recenti dati Inail – che, nel primo trimestre 2019, conta 212 vittime sul lavoro nel Paese, proprio come nel 2018. Quest’anno sono 144 i decessi registrati in occasione di lavoro e 68 quelli in itinere.
E, come non cambiano i confini dell’emergenza, non cambia troppo neppure la graduatoria delle regioni in cui si muore di più. La Lombardia, infatti, continua a guidare tristemente la classifica della Penisola con 22 decessi rilevati in occasione di lavoro, seguita da Sicilia e Lazio con 14 infortuni mortali e dal Veneto con 13 vittime.
Seguono: Campania ed Emilia Romagna (12), Piemonte (11), Toscana (9), Puglia (7), Trentino e Abruzzo (5), Basilicata (4), Umbria, Sardegna, Liguria, Marche (3), Calabria (2), Molise e Friuli Venezia Giulia (1). L’incidenza più alta della mortalità rispetto alla popolazione lavorativa, invece, viene rilevata in Basilicata con un indice pari a 21,2 (più del triplo della media nazionale). Ed è seguita dalla Sicilia, dal Trentino Alto Adige e dall’Abruzzo (con un indice di 10,2).
Ad indossare, poi, le maglie nere nella classifica provinciale per numero di morti in occasione di lavoro nel primo trimestre 2019 sono: Roma (8), Milano (7), Firenze e Vicenza (5), Bolzano, Cuneo, Napoli, Palermo e Torino (4).
Oltre la metà delle vittime aveva un’età compresa tra i 45 e i 64 anni. Le donne che hanno perso la vita nel primo trimestre del 2019 sono 15 (3 in occasione di lavoro e 12 in itinere).
Ad emergere anche nel primo trimestre 2019, inoltre, è il dato sulle vittime straniere. Ebbene, come nel primo bimestre, anche nei primi tre mesi il risultato appare piuttosto drammatico. Sono, infatti, 26 gli stranieri che hanno perso la vita nel nostro Paese in occasione di lavoro e 16 in itinere.
E a contare più vittime straniere è il Centro Italia con 9 infortuni mortali in occasione di lavoro su un totale di 26.
Il settore più colpito è quello delle Attività Manifatturiere (18 decessi), seguito da quello delle Costruzioni e da quello dei Trasporti (17) e dal Commercio (10).
Il giorno in cui si verifica il maggior numero di incidenti mortali continua ad essere il martedì.
Intanto, ad aumentare nel nostro Paese sono anche gli infortuni non mortali: dal primo trimestre 2018 al 2019 sono passati da 154.820 a 157.715. A Nordest il dato peggiore con 49.186 infortuni, seguito dal Nord Ovest (47.825).
Prima per numero di infortuni la Lombardia (30.061), seguita da Emilia Romagna (20.428) e Veneto (18.701).
Al fine di promuovere e diffondere la Cultura della Sicurezza sul Lavoro, ci auguriamo che il comunicato non solo sia un utile strumento di lavoro per Voi ma anche una fonte di riflessione e di analisi di fronte alla grave situazione che colpisce la nostra Penisola.

===========================

SCARICA TABELLA INFORTUNI  GEN - FEB 2019 TOSCANA

SCARICA TABELLA MALATTIE PROF.LI  GEN - FEB 2019 TOSCANA

.

.

.


ITALIA (eleborazione Vega)

MORTI SUL LAVORO PRIMO BIMESTRE 2019.

ANCORA UN TRAGICO BILANCIO: 121 VITTIME DA NORD A SUD DEL PAESE.
82 GLI INFORTUNI MORTALI IN OCCASIONE DI LAVORO E 39 QUELLI IN ITINERE.
IN LOMBARDIA, VENETO E SICILIA I DATI PEGGIORI. A ROMA, PALERMO, MILANO, VICENZA, TORINO E MANTOVA I RISULTATI PROVINCIALI PIU’ TRAGICI.
INTANTO, ANCHE NEI PRIMI DUE MESI DEL 2019 PERMANE SIGNIFICATIVA L’INCIDENZA DELLA MORTALITÀ’ DEI LAVORATORI STRANIERI, PARI AL 24% DEL TOTALE E AL 19,5% DEGLI INFORTUNI MORTALI AVVENUTI IN OCCASIONE DI LAVORO.


Il primo mese del 2019 sembrava far emergere un miglioramento dato che le vittime sul lavoro complessive erano in diminuzione del 34% rispetto al 2018. Ma ora, già nel primo bimestre, i segnali appaiono più che mai sconfortanti: il decremento della mortalità rispetto al 2018 si è ridotto al 3,2%, mentre è dell’1,2% quello relativo alle sole morti in occasione di lavoro. Così si ripiomba nuovamente nell'emergenza.
Una classifica che non crea sorprese per la maglia nera indossata dalla Lombardia in cui sui contano 21 vittime - delle quali 15 in occasione di lavoro e 6 in itinere. Sorprende invece il secondo posto della Sicilia che ha più che raddoppiato le sue vittime rispetto al 2018 con 13 morti bianche (9 sul lavoro e 4 in itinere). Lo scorso anno infatti in Sicilia si contavano 5 infortuni mortali. Ancora sul podio, invece, il Veneto con 12 morti (2 dei quali registrati in itinere).
Seguono: Lazio con 11 decessi (4 in itinere); Piemonte 11 (6 dei quali avvenuti in itinere); Toscana 7 (1 in itinere); Campania 7 (1 in itinere); Emilia Romagna 7 (4 in itinere); Puglia 6 (1 in itinere); Abruzzo 5 (2 in itinere); Umbria 4 (1 in itinere); Calabria 4 (3 in itinere); Marche 4 (3 in itinere); Trentino Alto Adige 3 (1 in itinere); Basilicata 3; Liguria 1; Molise 1 e Sardegna 1. Nessuna vittima in Friuli Venezia Giulia, né in Valle D’Aosta.
Ad indossare, poi, la maglia nera nella classifica provinciale per numero di morti in itinere e in occasione di lavoro nel primo bimestre 2019 sono Roma e Palermo con 6 decessi, seguite da: Milano, Torino e Vicenza (5), e Mantova (4).
Un po’ diversa la graduatoria considerando esclusivamente le morti avvenute in occasione di lavoro. Roma infatti rimane al primo posto ma è seguita da Milano e Vicenza (5), e da Palermo e Torino con 4 decessi.
Oltre la metà delle vittime aveva un’età compresa tra i 45 e i 59 anni. Le donne che hanno perso la vita nel primo bimestre del 2019 sono 8.
Ultimo dato, ma non meno importante nell’analisi dell’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro Vega, è quello relativo alla percentuale delle vittime straniere. Ebbene, come nel mese di gennaio, anche nei primi due mesi il risultato appare piuttosto drammatico. Sono infatti 29 gli stranieri che hanno perso la vita nel nostro Paese, pari al 24% del totale (29 su 121), di cui al 19,5% degli infortuni mortali avvenuti in occasione di lavoro (16 su 82).
Il giorno in cui si verifica il maggior numero di incidenti mortali è il martedì.
Intanto, ad aumentare nel nostro Paese sono anche gli infortuni non mortali: dal primo bimestre 2018 al 2019 sono passati da 96.121 a 100.290. A Nordest il dato peggiore con 31.404 infortuni, seguito dal Nord Ovest (30.398).
Prima per numero di infortuni la Lombardia (19.011), seguita da Emilia Romagna (13.029) e Veneto (11.935)

==================

 

TOSCANA

SCARICA TABELLA GENERALE INFORTUNI GENNAIO 2019 TOSCANA

SCARICA TABELLA GENERALE MALATTIE PROFESSIONALI GENNAIO 2019 TOSCANA

 

.

.

.

ITALIA (eleborazione Vega)

Nel mese di gennaio sono state 44 le vittime del lavoro in Italia, 15 di questi erano stranieri. 3 i morti in Toscana
Erano 67 nel 2018, 7 gli stranieri. “Nel primo mese di quest'anno c'è stato un decremento significativo della mortalità sul lavoro nel Paese. A gennaio 2019, infatti, i decessi sono stati 44 contro i 67 del 2018. Ma, a fare da contraltare a questa ‘flessione’ (-34,3%) c’è una nuova emergenza che si rivela nei dati. Ovvero le vittime straniere: il 34% sul totale degli infortuni mortali rilevati a gennaio (15 su 44 per la precisione)”.
In testa alla graduatoria nazionale per numero di vittime all'inizio del nuovo anno c’è la Lombardia, con 10 infortuni mortali totali sul lavoro. Sul podio anche Veneto (5) e Sicilia (4). Seguono: Piemonte, Emilia Romagna, Lazio e Toscana (3), Umbria, Puglia e Calabria (2). E Abruzzo, Trentino Alto Adige, Marche, Molise, Liguria, Campania, Basilicata (1).
Ad indossare, invece, la maglia nera nella classifica provinciale nel primo mese 2019 sono Mantova e Roma con 3 vittime.
Le fasce d’età più colpite – che costituiscono oltre la metà di tutte le morti sul lavoro – sono comprese tra i 45 e i 64 anni.
Il settore più colpito per numero di casi di morte in occasione di lavoro non è determinato dall’INAIL e registra 17 casi. Seguono, trasporto e magazzinaggio (4 casi) e commercio all'ingrosso e al dettaglio, riparazione di autoveicoli e motocicli (3 casi).


========================

TOSCANA

SCARICA TABELLA GENERALE INFORTUNI GEN DIC 2018 TOSCANA

SACRICA TABELLA GENERALE MALATTIE PROFESSIONALI GEN DIC 2018 TOSCANA

 

.

 

.

.

========================

ITALIA Inail

Inail, il 2018 annus horribilis per infortuni, morti e malattie professionali
Tornano ad aumentare gli infortuni e le morti sul lavoro in Italia nel 2018, con un'inversione di tendenza del trend decrescente registrato negli ultimi anni nel nostro Paese. A dirlo è l'ultimo rapporto dell'Inail, che ha pubblicato i dati provvisori relativi allo scorso anno.
A livello nazionale le denunce di infortunio sul lavoro presentate all'Istituto sono state 641.261 (+0,9%), 1.133 delle quali con esito mortale (+10,1%). In aumento anche le patologie di origine professionale denunciate, che sono state 59.585 (+2,5%).
DENUNCE DI INFORTUNIO –
A livello nazionale si evidenzia un incremento sia dei casi avvenuti sul lavoro (+0,6%), sia di quelli in itinere, occorsi cioè nel tragitto di andata e ritorno tra l'abitazione e il posto di lavoro, che hanno fatto registrare un incremento pari al 2,8%.
Il numero degli infortuni sul lavoro denunciati è aumentato dell'1% nella gestione Industria e servizi e dell'1,4% nel Conto Stato (tre quarti dei quali riguardano studenti delle scuole pubbliche statali).
Aumentano le denunce di infortunio nel Nord-Ovest (+1,1%), nel Nord-Est (+2,2%) e al Sud (+0,8%).
L'incremento riguarda prevalentemente ed i lavoratori extracomunitari (+9,3% a fronte di un +1,2% dei lavoratori comunitari) mentre le denunce di infortunio dei lavoratori italiani, che rappresentano circa l'84% del totale, sono in calo dello 0,2%
CASI MORTALI – Le denunce di infortunio sul lavoro con esito mortale presentate all'Istituto nel 2018 sono state 1.133, 104 in più rispetto alle 1.029 denunciate tra gennaio e dicembre del 2017 (+10,1%), delle quali 786 (+5,4%) casi in occasione di lavoro e 258 (+ 22,6%) occorsi in itinere.
A incidere su questo dato è stato, anche, l'alto numero di vittime di incidenti plurimi (37 delle 82 del 2018 contro le 42 dell'intero 2017) dovuto, in particolare, al crollo del ponte Morandi a Genova, con 15 denunce di casi mortali sul lavoro, e ai due incidenti stradali avvenuti in Puglia, a Lesina e Foggia, in cui hanno perso la vita 16 braccianti.
DENUNCE DI MALATTIA PROFESSIONALE –
Nel 2018 sono tornate ad aumentare anche le denunce di malattia professionale protocollate dall'Inail con un incremento del +2,5%, pari a 1.456 casi in più rispetto all'anno precedente. L'incremento percentuale maggiore è quello del +2,8% registrato nell'Industria e servizi. In Agricoltura le denunce di malattia professionale sono aumentate dell'1,8%, mentre nel Conto Stato il numero delle patologie denunciate è diminuito del 5,1%.
L'analisi territoriale evidenzia incrementi delle denunce al Centro (+1.341), dove si concentra oltre un terzo del totale dei casi protocollati dall'Istituto, al Sud (+618), dove le tecnopatie denunciate sono quasi un quarto del totale, e nel Nord-Ovest (+190).
Il 90% del totale dei casi denunciati all'Inail è rappresentato da: patologie del sistema osteo-muscolare e del tessuto connettivo (36.637 casi); patologie del sistema nervoso (6.681, con una prevalenza della sindrome del tunnel carpale) e dell'orecchio (4.574); patologie del sistema respiratorio (2.613) e dai tumori (2.461).
===================

ITALIA 2  (Elaborazione Osservatorio sul lavoro Vega)

2018, un altro anno di morte sul lavoro: 1133 le vittime. più di 10 mila nell'ultimo decennio.
I numeri più drammatici al nord con Lombardia, Emilia e Veneto in testa. 81 i morti in Toscana (+9 sul 2017)

L’indice di incidenza sugli occupati porta in cima alla triste graduatoria il Sud con in testa il Molise, seguito da Basilicata e Calabria. Le fasce d’età più colpite sono quelle che vanno dai 45 ai 64 anni che dovrebbero avere maggior esperienza e consapevolezza dei rischi. Il lunedì il giorno in cui si sono verificati più incidenti.
“Bilancio più che drammatico per gli infortuni mortali sul lavoro. Nel 2018 si contano 1.133 vittime, ovvero 104 vittime in più del 2017. E sono 786 i decessi registrati in occasione di lavoro e 347 quelli in itinere. Un vero eccidio che fa rabbrividire perché rimanda ad una media di mortalità crudele di quasi 100 persone al mese”.
La situazione nell’ultimo anno è tristemente peggiorata. Da Nord a Sud.
La conferma giunge sulla base degli ultimi dati INAIL ma anche dalla più recente indagine elaborata proprio dall’Osservatorio mestrino dove, oltre ai numeri di infortuni mortali totali, si approfondisce anche l’emergenza degli incidenti occorsi nei luoghi di lavoro.
E sono ad esempio le vittime dei cantieri edili, dove è la caduta dall’alto ad essere la causa di morte più frequente, o dell’industria dove lo spostamento di un carico in un magazzino può schiacciare un operaio fino a farlo morire sono le morti che ci colpiscono maggiormente nella cronaca ma che spesso si dimenticano troppo in fretta e superficialità”.
Dalla Lombardia i dati peggiori: le vittime registrate in occasione di lavoro nel 2018 sono 113. Seguono: Emilia Romagna (84), Veneto (69), Piemonte (68), Campania (66), Lazio (63), Toscana [(58) +23 in itinere, 81 in totale, + 9 su 2017], Puglia (45), Sicilia (36), Calabria (34), Liguria (33), Friuli Venezia Giulia (24), Abruzzo (19), Basilicata (15), Marche (14), Trentino Alto Adige e Sardegna (13), Molise (11), Umbria (7) e Valle D’Aosta (1).
Ed è sempre la Lombardia a guidare la triste classifica delle morti sul lavoro, che tengono conto anche degli infortuni in itinere, con 163 vittime. Al secondo posto Emilia e Veneto (115) e terzo è il Piemonte (98), 81 in Toscana (+ 9 su 2017)
Osservando invece l’incidenza della mortalità rispetto al numero di occupati è il Molise, con 104,8 infortuni ogni milione di occupati, a guidare la graduatoria italiana seguito dalla Basilicata (79,6) e dalla Calabria (63,3). Prima regione del Nord è invece la Liguria (54,7) seguita dal Friuli Venezia Giulia (47,5).Nell’indagine per macroaree, poi, spetta al Sud con un incidenza di 52,8 (Campania, Puglia, Basilicata e Calabria) indossare la maglia nera, seguito dal Nordest (Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige e Veneto) con un indice di 34.
A colpire, però, non sono solo i numeri, ma anche l’età delle vittime. Quasi la metà tra i 50 e i 65 anni, a dimostrazione di come l’esperienza non sia sufficiente a tutelare i lavoratori. Anzi, purtroppo, la percezione del rischio sembra diminuire con il passare del tempo.
Le donne vittime di un infortunio mortale in occasione di lavoro nel 2018 sono state 49 (104 comprese quelle in itinere).
Gli stranieri deceduti in occasione di lavoro nel 2018 sono 117 (in totale, compresi gli infortuni in itinere, sono 181).
Il settore più colpito, sempre in occasione di lavoro, non è determinato dall’INAIL e registra 226 casi. A seguire, Costruzioni (125 vittime), Attività Manifatturiere (105) e Trasporti e Magazzinaggio (104).
La provincia in cui si conta il maggior numero di infortuni mortali in occasione di lavoro è Roma (46 decessi). Ed è seguita da: Torino e Milano (33), Napoli (32), Genova (20), Brescia (18), Bologna e Verona (17), Udine (16), Mantova e Salerno (15), Foggia, Caserta e Modena (14), Arezzo, Treviso, Bergamo (13).
Per quanto concerne infine le rilevazioni degli infortuni totali (compresi quelli in itinere) è sempre Roma in prima posizione (66); seguita da: Milano (49) seguita da Torino (44), Napoli (44), Foggia (30), Verona (28), Genova (26), Bologna (25), Bergamo (20), Padova e Treviso (19).
Infine a crescere sono anche gli infortuni dai 635.433 del 2017 ai 641.261 del 2018. Circa 6000 in più. Sul podio ancora una volta la Lombardia con 119.937 infortuni, seguita dall’Emilia Romagna (85.823) e dal Veneto (76.486).
Osservatorio Sicurezza Sul Lavoro Vega

 

Creato il:ven 01 feb, 2019 2:03 pm

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

06-12-2019
Ribadita dal Tribunale di Milano la sentenza di primo grado di ....
06-12-2019
Francesco, 86 anni, ha bisogno di qualcuno presente nei momenti ....
06-12-2019
Appuntamento a Piazza Santi Apostoli. Sono previsti gli interventi ....
06-12-2019
Aboca entra a far parte di Toscana Pharma Valley, la rete di ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di pi¨ leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)