Anticipato al 6 Marzo Sciopero Nazionale dei Precari della Scuola
Precari

Scuola: sindacati anticipano sciopero al 6 marzo inizialmente previsto per il 17. Quattro i temi di dissenso al centro dello sciopero.
E' stato anticipato al 6 marzo lo sciopero della scuola indetto dai maggiori sindacati per difendere i diritti dei precari e protestare contro il mancato rispetto degli accordi sottoscritti con il Governo in tema di abilitazioni, reclutamento e contratto. "La decisione di anticipare la data della mobilitazione, inizialmente prevista per il 17 marzo - spiega Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Federazione Gilda-Unams - è dettata dall'urgenza e dalla gravità della posta in ballo e dalla totale chiusura dimostrata dalla ministra Azzolina che, invece di ricucire il dialogo con le organizzazioni sindacali che rappresentano la grande maggioranza dei lavoratori della scuola, preme sull'acceleratore per affrettare la pubblicazione dei bandi di concorso attualmente all'esame del CSPI". "Se dall'Amministrazione non arriverà alcuna risposta concreta, - conclude Di Meglio - lo sciopero del 6 marzo sarà soltanto il primo atto di una lunga mobilitazione". Lo sciopero era stato inizialmente annunciato per il prossimo 17 marzo.
E' stata inviata oggi alla presidenza del Consiglio dei ministri la lettera con la quale si indice lo sciopero della scuola per l'intera giornata del 6 marzo, con particolare riguardo al personale in condizione di precarietà lavorativa. L'indizione dello sciopero - sottolineano Flc Cgil Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals e Gilda - "rappresenta una prima espressione di dissenso per le scelte politiche in materia di gestione del personale della scuola. Alla quale potranno seguire ulteriori iniziative".

Quattro i temi di dissenso al centro dello sciopero:
* CONCORSI - Non è stato portato a positiva conclusione l'unico tavolo attivato relativo all'attuazione dei decreti, ora trasformati in legge, che doveva condurre alla definizione di procedure di reclutamento tali da riconoscere "la professionalità acquisita, grazie alla quale è stato possibile assicurare la funzionalità del sistema dell'istruzione", come previsto dall'Intesa di dicembre Palazzo Chigi, accusano i sindacati. E' stato disatteso quanto previsto nell'Intesa dell'aprime 2019, nella quale si condivideva l'esigenza di individuare "le più adeguate e semplificate modalità per agevolare l'immissione in ruolo del personale docente che abbia una pregressa esperienza di servizio pari ad almeno 36 mesi di servizio", scrivono ancora i sindacati.
* FACENTI FUNZIONE DSGA - Non sono state attivate le procedure contrattuali o legislative per portare a soluzione il problema degli assistenti amministrativi, privi di titolo di studio specifico, che hanno svolto per almeno tre anni le funzioni dei Dsga, lamentano i sindacati.
* ABILITAZIONI - Non è stato avviato il confronto politico in merito ai percorsi di abilitazione strutturali, rispetto ai quali deve trovare riconoscimento l'esperienza professionale acquisita. Questi percorsi devono riguardare anche i docenti di ruolo della scuola statale, i docenti non abilitati delle scuole paritarie e dei centri di formazione professionali;
* MOBILITA' ATA - Non è stato convocato il tavolo di contrattazione nazionale integrativa sulla mobilità, territoriale e professionale, del personale docente, educativo ed ATA, fanno infine notare i sindacati.(ANSA).

------------

Riparte la mobilitazione di tutto il personale della scuola, con un primo step di iniziative a sostegno del personale precario della scuola e dei facenti funzioni di Dsga.
È quanto hanno deciso oggi i sindacati scuola nella riunione delle segreterie unitarie.
Lo sciopero dei precari della scuola per il prossimo 17 marzo, è il primo atto di un’iniziativa che si sviluppa su un arco di tempo più lungo e su problematiche più vaste. Le misure in via di definizione per i concorsi, su cui si è consumata nei giorni scorsi la rotttura fra sindacati e Ministero dell’Istruzione giungono al termine di un confronto durato mesi e rappresentano solo uno dei temi presenti nelle intese siglate più volte con il Governo, che riguardano anche il rinnovo del contratto, la mobilità e la definizione di un sistema strutturale di abilitazione.
“Sono venute a cadere le ragioni per cui sono state a suo tempo sospese le iniziative di mobilitazione - spiegano i segretari generali di Flc Cgil , Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals Confsal e Gilda - Il confronto dei giorni scorsi al Ministero ha evidenziato una sostanziale indisponibilità al negoziato di questa amministrazione, che ha respinto in larga parte le proposte avanzate dai sindacati sui provvedimenti relativi alle procedure concorsuali”.
“Il tema della precarietà - aggiungono Sinopoli, Gissi, Turi, Serafini e Di Meglio - va superato con una politica attenta e con misure che siano il risultato di un confronto corretto. Migliaia di persone attendono risposte concrete e rispettose del loro lavoro”.

Creato il:ven 07 feb, 2020 1:48 pm

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

21-02-2020
Un anno di lavori e 20 milioni di investimento per pavimentare ....
21-02-2020
Adesso ci sono le condizioni perché nell’impianto di Rimateria ....
21-02-2020
E' un vortice polare che ha raggiunto valori da record il responsabile ....
21-02-2020
Antonella Giachetti è la nuova presidente di Aidda Toscana, l'associazione ....
21-02-2020
In Toscana la spesa farmaceutica è calata notevolmente dal 2016 ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB® di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Français     Deutsch     Español     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)