CRISI: AL VIA CASSA INTEGRAZIONE PER TUBIFICIO PIOMBINO
Stop alla produzione allo stabilimento di Piombino del tubificio Tenaris Dalmine. A partire da questa mattina, la direzione dell'azienda ha aperto la procedura di cassa integrazione ordinaria di 13 settimane, che riguarderà un massimo di 112 dipendenti su un totale di 125 e che si protrarrà, in assenza di nuovi ordinativi, per almeno dieci settimane. I sindacati Fiom, Fim e Uilm hanno chiesto un incontro urgente con l'amministratore delegato della società, che ha sede a Bergamo, per chiedere chiarimenti sul ruolo logistico e produttivo dello stabilimento piombinese. Lo stop della Tenaris Dalmine aggrava la crisi del polo siderurgico piombinese, alle prese con gravi difficoltà di mercato. A febbraio, circa mille addetti delle acciaierie Severstal Lucchini, nonostante la ripresa dell'altoforno, potrebbero finire in cassa integrazione. Allo stabilimento Arcelor Piombino, attualmente sono circa 200 i dipendenti che stanno usufruendo degli ammortizzatori sociali.(ANSA).
Notizia del: lun 26 gen, 2009

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

06-12-2019
Ribadita dal Tribunale di Milano la sentenza di primo grado di ....
06-12-2019
Francesco, 86 anni, ha bisogno di qualcuno presente nei momenti ....
06-12-2019
Appuntamento a Piazza Santi Apostoli. Sono previsti gli interventi ....
06-12-2019
Aboca entra a far parte di Toscana Pharma Valley, la rete di ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di pi¨ leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)