MINORI:OSPEDALE SCOPRE VIOLENZE SU BAMBINA,DENUNCIATA MADRE
Gambe e braccia piene di lividi, segni di bruciature sul corpo che potrebbero far pensare a morsi o a piccole ustioni da sigarette. Lo hanno scoperto i medici del pronto soccorso dell'ospedale pediatrico Meyer, a Firenze, visitando una bambina di quattro anni portata in ospedale su segnalazione del direttore di una scuola d'infanzia di Peretola, dove la bambina viene lasciata tutti i giorni. La madre, una donna di 28 anni, di nazionalità cinese, residente nella zona di Novoli, è stata denunciata dai carabinieri per lesioni e il Tribunale dei minori di Firenze ha deciso di sottrarle la bambina affidandola ad un istituto. Le condizioni della piccola, secondo quanto si è appreso, avevano messo in allarme gli insegnanti della scuola materna e così la direzione aveva segnalato la cosa al Tribunale dei minorenni finché stamani la piccola è stata portata in ospedale, dove è stata visitata. Gambe e mani gonfie, lividi dovunque, segni di probabili percosse su altre parti del corpo. Dopo la visita i medici hanno avvertito la madre della bambina. Quando la donna è arrivata al pronto soccorso, secondo quanto hanno riferito i sanitari ai carabinieri, e ha visto la piccola in lacrime, si sarebbe scagliata contro di lei per picchiarla. Da qui la denuncia e la decisione dei Tribunale dei minori di affidare la piccola a un istituto.(ANSA).
Notizia del: mar 27 gen, 2009

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

26-05-2020
"Vediamo i dati giorno per giorno: abbiamo retto bene le aperture ....
26-05-2020
Il presidente federale tedesco Frank-Walter Steinmeier ha conferito ....
26-05-2020
I cinque maggiori sindacati del settore (Flc Cgil, Cisl Scuola, ....
26-05-2020
Oggi sciopero e presidio con Fiom-Cgil e Nidil-Cgil Firenze davanti ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di pi¨ leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)