TRE CORTEI A ROMA PER LO SCIOPERO GENERALE DI METALMECCANICI E DIPENDENTI PUBBLICI

Braccia incrociate domani per metalmeccanici e dipendenti pubblici della Cgil per lo sciopero generale di otto ore promosso da Fiom e Fp-Cgil. Ma a fermarsi saranno anche i dipendenti della scuola, per la protesta indetta da Unicobas. Allo stop indetto dalla Cgil hanno aderito molte forze politiche, dal Pd ai Verdi all'Italia dei Valori. A Roma ci saranno tre cortei, che confluiranno tutti in Piazza San Giovanni. Nella capitale gli aderenti alla manifestazione indetta dalla Cgil dovrebbero arrivare da tutta Italia, grazie anche a mille pullmann e 16 treni speciali.

In questi giorni i giornali hanno parlato di 'strana coppia' per la inedita unione di metalmeccanici e dipendenti statali. Il comun denominatore, ha spiegato il segretario generale della Cgil Guglielmo Epifani, è naturalmente la crisi, che sta ampliando le conseguenze peggiori sui lavoratori dipendenti, e a questo punto che siano pubblici o privati fa poca differenza. Epifani ha parlato ieri, presentando la protesta, di "un malessere che può diventare esplosivo", anche perchè, "tra marzo e giugno,
il picco della crisi sarà ancora più devastante".

Tante le adesioni alla protesta della Cgil - molte vengono anche dal mondo della cultura, tra gli altri Ettore Scola, Nicola Piovani, Andrea Purgatori, Giuliano Montaldo, Citto Maselli, Carlo Lizzani, Andrea Camilleri, Massimo Ghini.

Lo sciopero si articolerà con modalità diverse in tutte le Regioni, in particolare per i trasporti. Quanto ai cortei a Roma, il primo partirà attorno alle 9 dal piazzale della stazione Tiburtina; il secondo muoverà da piazza della Repubblica attorno alle ore 9.30, e il terzo partirà da piazzale dei Partigiani attorno alle ore 9.

Al primo corteo parteciperanno lavoratori provenienti da Veneto, Lombardia, Toscana, Marche, Abruzzo e Molise. Al secondo corteo, quello di piazza della Repubblica, parteciperanno lavoratori provenienti da Trentino-Alto Adige, Umbria, Lazio, Campania, Calabria e Sicilia. Al terzo corteo, quello di piazzale dei Partigiani, parteciperanno lavoratori provenienti da Valle d'Aosta, Piemonte, Liguria, Sardegna, Friuli-Venezia Giulia, Emilia-Romagna, Puglia e Basilicata.

Lo sciopero Unicobas. Anche il sindacato Unicobas ha previsto una manifestazione di protesta a Roma. Lo sciopero di venerdì è preceduto, oggi, dal blocco degli scrutini. La manifestazione nazionale prenderà il via alle 9,30, davanti al Ministero dell'Istruzione (viale Trastevere). Stefano d'Errico, segretario nazionale di Unicobas promette che si tratterà di uno sciopero "forte", cui prenderanno parte anche "studenti e genitori".

Notizia del: gio 12 feb, 2009

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

28-01-2020
La Regione Toscana e il Comune di Piombino chiedono un incontro ....
28-01-2020
Divieto di utilizzo di acqua per uso potabile da pozzi privati ....
27-01-2020
“Nel corso dell’incontro di oggi “Linea D’Appalto”, ....
27-01-2020
“Il rinnovo in tempi certi dei contratti nazionali e regionali ....
27-01-2020
L’ingresso di aria umida e mite in atto nella nostra regione ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di pi¨ leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)