LAVORO: SFRUTTAMENTO CLANDESTINI, ARRESTI TRA EMPOLI E PRATO
Vivevano e lavoravano in condizioni igieniche e sanitarie precarie all'interno della confezione in cui erano impiegati. Per questo il titolare della ditta, un cinese di 35 anni, è stato arrestato dai carabinieri di Empoli intervenuti dopo aver ricevuto segnalazioni da parte di alcuni cittadini. L'accusa èdi sfruttamento della manodopera clandestina. Da quanto si è appreso, nel laboratorio lavoravano diversi orientali, di cui 5 privi di regolare permesso di soggiorno, tutti denunciati. Nella stessa operazione sono state sequestrate 20 macchine da cucire. I militari hanno posto i sigilli all'immobile che risulta di proprietà di una donna italiana. Controlli contro lo sfruttamento della manodopera clandestina sono stati effettuati anche in cinque laboratori di Prato dove i carabinieri hanno arrestato una cinese titolare di un opificio e due suoi connazionali, risultati clandestini. La donna, 27 anni, avrebbe favorito la permanenza di immigrati senza permesso di soggiorno in Italia. Denunciati per lo stesso reato anche altri 5 imprenditori cinesi di età compresa fra i 47 e i 37 anni. Gli stessi, insieme a un altro di 40 anni, sempre di nazionalità cinese, hanno ricevuto un'altra denuncia per violazione delle norme urbanistiche. I militari erano accompagnati dai vigili del fuoco, da personale dell'Asl 4 e della Polizia Municipale. Sequestrati inoltre 58 macchinari e rimosse 13 bombole di gpl ritenute pericolose. Nell'operazione sono stati denunciati anche altri 18 clandestini cinesi. Sempre a Prato un altro cinese quarantunenne é stato denunciato dai Nas dei carabinieri di Firenze per le gravi carenze igieniche riscontrate nel suo furgone adibito a chiosco per la vendita e somministrazione di alimenti e bevande nella zona del Macrolotto. All'interno del mezzo, fra carne, piadine e verdure, sono stati trovati escrementi di animale, oltre a un topo morto dentro a un cassonetto per i rifiuti posto nelle vicinanze del chiosco frequentato da numerosi clienti sia italiani che cinesi.
Notizia del: ven 13 feb, 2009

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

24-01-2020
FP CGIL - CISL FP - UIL PA - UNSA - FLP denunciano carenze di ....
24-01-2020
Venerdì 31 gennaio alle ore 16.30 presso l’Auditorium della ....
24-01-2020
Posegue la moblitazione dei 120 dipendenti della Vibac di Vinci, ....
24-01-2020
Un monastero buddista sorgerà nella ex Cava di Poggio alla Penna ....
24-01-2020
“La Regione metterà in campo una task force di professionisti ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB® di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Français     Deutsch     Español     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)