CRISI: D'ANTONI, BERLUSCONI NON SCARICHI RESPONSABILITA' SU LAVORATORI

''Silvio Berlusconi non pensi di poter scaricare sui lavoratori responsabilita' che appartengono tutte al governo. Agli italiani non servono consigli paternalisti da parte del premier, ma una energica ed efficace politica economica anticiclica, che rilanci lo sviluppo delle aree in ritardo''. Lo afferma Sergio D'Antoni, responsabile Mezzogiorno del Pd. ''Mentre il capo del governo continua a ostentare sorrisi smaglianti e fuori luogo, il suo esecutivo non fa nulla per fronteggiare la recessione. Al contrario -aggiunge D'Antoni-, vessa quelle famiglie, quegli imprenditori e quei lavoratori che vivono nelle zone deboli e che avrebbero bisogno di maggiori tutele. Visto che il Cavaliere e' in vena di andare in treno, dopo aver provato l'ebbrezza della Freccia Rossa potrebbe fare un salto in Sicilia e tentare di viaggiare lungo la tratta Palermo-Catania: 210 chilometri, 5 ore e neppure un centesimo stanziato dal governo. O magari salire sulla linea Napoli-Bari, che si e' vista cancellare dall'ultimo Cipe le risorse stanziate dal governo di Romano Prodi per il prolungamento dell'alta velocita'. Il governo si decida una buona volta ad affrontare la crisi invece di scaricarla sui cittadini che vivono del proprio lavoro''.

asca

Notizia del: mar 24 mar, 2009

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

19-02-2020
“Oggi si Ŕ svolto presso la sede di Confindustria a Roma ....
19-02-2020
La vertenza delle ex lavoratrici Piaggio, che da giorni 'occupano' ....
19-02-2020
Assunzioni di personale, contratti prorogati, nuova foresteria ....
19-02-2020
La rsu e le organizzazioni sindacali di Rimateria hanno deciso ....
19-02-2020
Presidio dei lavoratori Alp, oggi a Livorno sotto la sede dell'AutoritÓ ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di pi¨ leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)