SIENA: ANCHE IN VALDELSA LA CRISI MIETE POSTI DI LAVORO
La crisi occupazionale non risparmia nemmeno il territorio della Valdelsa Senese, come hanno confermato i Delegati CGIL riuniti oggi presso la Camera del Lavoro di Poggibonsi alla presenza del Segretario Generale della CGIL di Siena Claudio Vigni.
La crisi colpisce tutti i settori, questi i casi più eclatanti:
FLORENCE (ceramica): 152 in mobilità
AURORA (legno): 6 in mobilità
GAMAR (legno): 6 in mobilità
CLA (legno): 2 licenziamenti
ELSA CUCINE (legno): 9 licenziamenti
GD COSTRUZIONI: 13 licenziamenti
TRIGANO: 100 in mobilità
PRAMAC: 60 procedure di mobilità aperte
Ancora preoccupazione per le difficoltà della RCR sono state espresse dal rappresentante della RSU dell’azienda: “Non riusciamo a vedere la fine del tunnel”.
La RSU della RIMOR ha messo in evidenza il forte calo occupazionale in quell’azienda, a partire dai lavoratori interinali. Analoga preoccupazione è stata espressa per il personale a tempo indeterminato a partire da settembre se non ci sarà una ripresa, in quanto ad oggi l’Azienda sta utilizzando la cassa integrazione.
La RSU della TRIGANO ha evidenziato come insieme alla perdita del posto di lavoro oggi sia a rischio anche la qualità del lavoro e la sicurezza.
La delegata delle lavoratrici FLORENCE, dal canto suo, ha evidenziato come per loro sia impossibile trovare un qualsiasi lavoro a causa della crisi e che il rischio di finire la mobilità senza aver trovato una ricollocazione sia quasi certo.
“La CGIL ribadisce il proprio NO ai licenziamenti, almeno fino a quando non saranno esauriti tutti gli strumenti atti ad evitarli, - ribadiscono dalla Valdelsa - e sarà vicina ai lavoratori interessati dando il massimo sostegno”.
Per la CGIL la manifestazione nazionale di sabato 4 aprile sarà l'occasione per ribadire che “dalla crisi non si esce licenziando, ma confermando la necessità di aumentare gli ammortizzatori sociali conservativi, nonché un più agevole accesso al credito per le imprese in sofferenza che però devono sostenere i propri livelli occupazionali, oltre che investire in ricerca, innovazione, infrastrutture immediatamente cantierabili”.
Oltre 1.600 giovani, lavoratori e pensionati hanno già prenotato il loro posto nei pullman messi a disposizione dalla CGIL provinciale. Un centinaio andranno in treno, altri in macchina.
Notizia del: gio 02 apr, 2009

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

21-02-2020
Un anno di lavori e 20 milioni di investimento per pavimentare ....
21-02-2020
Adesso ci sono le condizioni perché nell’impianto di Rimateria ....
21-02-2020
E' un vortice polare che ha raggiunto valori da record il responsabile ....
21-02-2020
Antonella Giachetti è la nuova presidente di Aidda Toscana, l'associazione ....
21-02-2020
In Toscana la spesa farmaceutica è calata notevolmente dal 2016 ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB® di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Français     Deutsch     Español     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)