Fiom Cgil Toscana Grave ed inaccettabile l'annuncio di trasferimento della Ponsi a Brescia

Braccini, L’atto formale di trasferimento a Brescia dei dipendenti della Ponsi equivale ad una chiusura e ad un licenziamento collettivo a tutti gli effetti. Ci batteremo per il pieno rispetto degli accordi, sia in termini sindacali che legali, e per trovare soluzioni alternative contro una vera e propria ingiustizia verso i lavoratori Ponsi.
Un altro annuncio di trasferimento di una azienda storica in Toscana, in barba agli accordi ed agli impegni presi, 22 lavoratori che rischiano il posto di lavoro.
L’atto formale di trasferimento a Brescia dei dipendenti della Ponsi equivale ad una chiusura e ad un licenziamento collettivo a tutti gli effetti.
Le rubinetterie Toscane Ponsi sono nate nel 1935 a Viareggio e svolgevano completamente tutto il ciclo produttivo all’interno dell’azienda. Venivano progettati i rubinetti e tutti gli accessori inerenti al bagno, fino al prodotto finito.
La Ponsi é stata un pezzo di industria prestigiosa per la Versilia, un marchio riconosciuto in tutto il mondo per l’alto standard qualitativo e tecnologico, ma anche un’azienda elevata sindacalmente e culturalmente. All’interno della Ponsi a Viareggio vi era una delle biblioteche operaie più fornite della versilia.
Poi nel 2008 passò nelle mani di un fondo di private equity promosso e gestito da Alto Partener, per poi passare nel 2015 alla Ercos di Brescia.
Avevano garantito di proseguire l’attività d’impresa e la volontà di espandersi in un mercato di qualità tramite l’acquisizione di un marchio prestigioso come Ponsi.
Poi l’attività venne spostata da Viareggio a Piano di Mommio, si comprese subito che non erano intenzionati a sviluppare la produzione, ma che gli interessava solo il marchio.
Nel 2018 venne ridotto il personale e siglato un accordo che garantiva fino al 2021 la permanenza dell’azienda sul territorio con i suoi 22 lavoratori rimasti.
L’azienda è stata smontata a pezzi nel corso degli anni, una scelta calibrata, guidata da una precisa volontà imprenditoriale.
Non ci stiamo però a veder disattesi gli accordi, non lo accettiamo assolutamente, questa è una imprenditoria di basso livello.
In altri paesi Europei non sarebbe possibile siglare accordi e non rispettarli. Questo modo di fare imprenditoria del mordi e fuggi, deve risentire di risposte ferme, non basta la solidarietà, ma servono nuove misure più coercitive e penalizzanti per le imprese fedifraghe, come esistono in Francia o Germania.
Siamo in un’epoca inedita, assistiamo alla mancanza di politiche industriali da parte dei Governi, troppe imprese camminano a briglia sciolta, questo grazie anche a leggi su leggi che hanno permesso la piena libertà imprenditoriale e che lasciano con troppa facilità i lavoratori a spasso. Vi sono gravi responsabilità politiche.
Ci batteremo per il pieno rispetto degli accordi, sia in termini sindacali che legali, e per trovare soluzioni alternative contro una vera e propria ingiustizia verso i lavoratori Ponsi.
Massimo Braccini, Segretario generale Fiom Toscana

Notizia del: lun 22 lug, 2019

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

09-12-2019
Pasquale Cuomo, segretario generale di Flc Cgil Pisa, è il nuovo ....
09-12-2019
"Il cambiamento climatico è in corso: è anomalo, è più rapido ....
09-12-2019
Ammontano a 714 le società oggi presenti in Toscana che fanno ....
09-12-2019
E' scomparso Salvatore Vecchioni, ex comandante partigiano della ....
09-12-2019
L'impresa cinese di Prato frena per la prima volta in 20 anni: ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB® di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Français     Deutsch     Español     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)