Striscione e reggiseni a Massa contro Salvini e Comune Per regolamento comunale che vieta di vestire abiti provocanti

Uno striscione con scritto 'La strada si conquista con la lotta femminista' circondato da reggiseni è stato affisso nella notte, e subito rimosso stamani, sotto il palazzo comunale di Massa (Massa Carrara) in polemica con il recente regolamento di polizia urbana del Comune guidato dal sindaco leghista Francesco Persiani, e in vista dell'arrivo oggi in città di Matteo Salvini. Lo striscione è firmato dal collettivo femminista Kall, che sulla sua pagina facebook scrive: "Contro l'imbarazzante Daspo urbano partorito dalla nostra Giunta comunale, libere di vestirci come vogliamo, di mendicare, di ammiccare, di radunarci e di protestare". Il collettivo invita a partecipare alla manifestazione di protesta contro Salvini, prevista per le 16 dal lungomare di Marina di Massa. La polemica sul regolamento di Massa, innescata da un tweet di Alessandro Gassman, riguarda il divieto, contro il fenomeno della prostituzione, di "mantenere abbigliamento indecoroso o indecente". (ANSA)

Notizia del: dom 18 ago, 2019

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

27-05-2020
Alla Regione Toscana sono stati assegnati più di 21 milioni di ....
27-05-2020
Prende il via oggi, mercoledì 27 maggio, la nuova piattaforma ....
27-05-2020
Ventisette anni fa un’esplosione sconquassò quella che ....
27-05-2020
“Apprendiamo che è arrivato il via libera del Cda di Intesa ....
27-05-2020
La Flc Cgil Firenze: “Siamo sconcertati dalle parole del ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB® di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Français     Deutsch     Español     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)