Caporalato: Bellanova,finalmente Stato ha piano di contrasto Dieci azioni prioritarie e nuovo metodo

"Finalmente lo Stato ha un piano di prevenzione e contrasto al caporalato''. Così la ministra delle Politiche agricole Teresa Bellanova al Tavolo interistituzionale sul caporalato insediatosi nel pomeriggio di oggi. ''Un lavoro - ha sottolineato - che vede coinvolta tutta la filiera per mettere fuori gioco chi sfrutta. Abbiamo due priorità. Garantire protezione alle persone, lavoratrici e lavoratori italiani e stranieri cui vengono negati diritti fondamentali. Dare risposte alle legittime aspettative di migliaia di aziende agricole oneste, e sono la maggior parte, che chiedono forme più efficienti per reperire manodopera legale''. Per il ministro Bellanova ''il caporalato è mafia, perciò dobbiamo combatterlo con armi nuove. Nel piano ci sono 10 azioni prioritarie e impegni precisi, sui quali da subito dobbiamo metterci al lavoro. E poi c'è un metodo nuovo: contro il caporalato, soprattutto in alcune aree di emergenza, si dovrà intervenire d'ora in poi solo con azioni coordinate su alloggi, trasporti, intermediazione legale del lavoro, controlli".
"Contro il caporalato - secondo la ministra Bellanova, al Tavolo interistituzionale sul caporalato insediatosi oggi - bisogna agire in modo sistemico: repressione e prevenzione, azioni coordinate su trasporti, logistica, ospitalità, servizi, controlli. Intervenire solo su uno di questi aspetti, lasciando varchi, rischia di far fallire l'obiettivo. Vogliamo, invece, una più equa distribuzione del valore nella filiera agroalimentare e trovare un'alleanza col cittadino. È il consumatore - aggiunge - che deve aiutarci a spezzare la catena dello sfruttamento, perché se un prodotto viene venduto sotto il costo di produzione, c'è qualcuno che quel costo lo paga. Sia il lavoratore in nero o l'azienda agricola o di trasformazione che non ce la fa. Sulla Rete del lavoro agricolo di qualità, infine, il piano stesso segnala l'esigenza che condivido di rendere effettiva la sua essenza di precontrollo delle aziende, orientando così i controlli sui non iscritti, e va rafforzata nell'apertura delle sezioni territoriali e nelle premialità collegate".(ANSA).

Notizia del: mer 16 ott, 2019

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

27-05-2020
“Apprendiamo che Ŕ arrivato il via libera del Cda di Intesa ....
27-05-2020
La Flc Cgil Firenze: “Siamo sconcertati dalle parole del ....
27-05-2020
Lo sport Ŕ un lavoro. Ma mancano tutele e ammortizzatori. E' ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di pi¨ leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)