Accordo di programma per Piombino, riunione rinviata. Romagnani (Fiom): "Fatto estremamente preoccupante''

La Fiom giudica estremamente preoccupante il rinvio a data da destinarsi della riunione della cabina di regia dell’Accordo di programma di messa in sicurezza, riconversione industriale e sviluppo economico produttivo complesso di Piombino. Riunione che doveva tenersi stamani alle 10, con all’ordine del giorno situazione Jindal, e che dal nostro punto di vista doveva gettare le basi, o ancor meglio, sciogliere il nodo su alcune questioni di fondo, quali la discarica di prossimitÓ e il costo dell’energia elettrica necessaria alla definizione del piano industriale definitivo. Tutti argomenti che nella sostanza significano togliere ogni alibi alla multinazionale indiana, argomenti che abbiamo portato all’attenzione del signor prefetto il giorno 26 e all’amministrazione comunale il giorno 3 dicembre.
Rammentiamo noi stessi che per un rinvio di un incontro al Mise giudicato altrettanto importante per liberare il territorio da un imprenditore inadempiente, le organizzazioni sindacali e tra queste la Fiom, occuparono simbolicamente ma sostanzialmente, per 15 giorni, la sala consiliare del Comune di Piombino.
Troviamo inaccettabile ed incomprensibile che lo Stato - tutti noi - provveda al pagamento degli ammortizzatori sociali per un importo complessivo di oltre 25 milioni di euro per ogni anno (quelli delle aree crisi complessa insistono sulla fiscalitÓ generale) senza sentire la responsabilitÓ di dover compiere gli atti formali per mettere la parola fine a una sostanziale indeterminatezza di prospettiva.
Se mettessimo in fila tutte le risorse ad oggi spese per questi strumenti di sussidio, sussidi necessari, ma anche umilianti per i tanti lavoratori che chiedono solo lavoro, tenendo conto dei soli lavoratori diretti JSW e PioLog tra il 2014 e 2023, raggiungeremmo la disarmante cifra di oltre 170 milioni di euro: quasi 90mila euro per ciascuno dei 2mila dipendenti allora occupati. Paradossalmente una cifra molto vicina agli incentivi all’esodo pagati ai lavoratori in esubero a Taranto. Lavoratori ai quali va tutto il nostro rispetto e solidarietÓ, ma nei confronti dei quali non ci sentiamo figli di un Dio diverso.
Quindi se da un lato lascia sbigottiti l’incapacitÓ del Ministero e del Governo di comprendere che Ŕ giunto il momento di togliere ogni alibi all’imprenditore e di chiedere il rispetto del contratto e valorizzare lo sforzo economico pubblico per mantenere in vita una unitÓ siderurgica nazionalmente rilevante, dall’altro deve essere altrettanto chiaro al Governo quanto alle organizzazioni sindacali nazionali, che ogni soluzione al problema di Taranto non pu˛ che essere rivolta all’intero settore siderurgico, quindi Piombino compresa.
Nelle prossime ore sono certo che le organizzazioni sindacali promoveranno unitariamente una riflessione su tutta questa vicenda che non potrÓ che risolversi con la capacitÓ di iniziative e di mobilitazione.

David Romagnani, segretario generale Fiom Cgil Livorno

Notizia del: mer 04 dic, 2019

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

20-06-2020
E’ passato un mese oramai dalla temuta apertura integrale ....
20-06-2020
Il primo contratto industriale nella crisi Covid 19, Sindacati: ....
19-06-2020
"Da anni il Pd lavora per la corretta gestione del ciclo dei ....
19-06-2020
"Il Consiglio di Stato respinge il ricorso della Edison verso ....
19-06-2020
Si Ŕ insediato oggi il tavolo di coordinamento per la realizzazione ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di pi¨ leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)