Moda: frena produzione aziende cinesi Prato, è prima volta Comparto composto da 5mila aziende asiatiche

L'impresa cinese di Prato frena per la prima volta in 20 anni: la produzione industriale del settore dell'abbigliamento del distretto toscano, ad appannaggio quasi esclusivo di imprenditori e lavoratori orientali che risiedono in città, nei primi due trimestri del 2019 ha registrato -4,6% e -5% rispetto ai trimestri precedenti. A dirlo i dati diffusi oggi da Confindustria Toscana nord nel corso della conferenza stampa di fine anno. La crescita del comparto in città - composto da circa 5 mila aziende cinesi e da poche altre italiane - era stata una costante dell'ultimo ventennio, che ha portato il distretto dell'abbigliamento a superare il numero di addetti del settore tessile pratese (i primi sono più di 20 mila, i secondi sono poco più di 19 mila) e a fare di questa provincia quella con il maggior numero di lavoratori del settore in Italia. (ANSA).

Notizia del: lun 09 dic, 2019

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

24-01-2020
FP CGIL - CISL FP - UIL PA - UNSA - FLP denunciano carenze di ....
24-01-2020
Venerdì 31 gennaio alle ore 16.30 presso l’Auditorium della ....
24-01-2020
Posegue la moblitazione dei 120 dipendenti della Vibac di Vinci, ....
24-01-2020
Un monastero buddista sorgerà nella ex Cava di Poggio alla Penna ....
24-01-2020
“La Regione metterà in campo una task force di professionisti ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB® di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Français     Deutsch     Español     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)