'Noi delle Case Popolari': La Cgil promuove comitati assegnatari in tutta la provincia di Arezzo

Gli assegnatari si organizzano: al via la costituzione dei comitati “Noi delle case popolari” Promossi dalla Cgil in tutta la provincia di Arezzo
Gli assegnatari delle case popolari alzano la voce e si preparano ad organizzarsi in comitati. Si sono riuniti, per iniziativa della Cgil, ad Arezzo, Sansepolcro, Bibbiena e Camucia. Prossimo appuntamento in Valdarno. Realtà diverse, problemi comuni: scarsità di fondi per nuove abitazioni e per garantire una manutenzione straordinaria adeguata, manutenzione ordinaria a carico degli assegnatari anche in caso di strutture cadenti, scarse informazione e trasparenza nella gestione.
Il Sunia Cgil ricorda i dati forniti dalla stessa Regione Toscana su Arezzo: il 60,8% degli alloggi delle case popolari sono stati costruiti prima del 1980 e l’83,6% prima del 1990. La percentuale di quelli civili è solo del 2,9% a fronte ad una media regionale del 36,8%. Il 63,2% sono alloggi economici e popolari. Si tratta, quindi, un patrimonio vecchio e costruito al risparmio che necessita di manutenzioni continue.
“Per questo – sottolinea la Cgil - abbiamo chiesto incontri a tutti i comuni della provincia in quanto proprietari delle abitazioni, al LODE quale associazione dei comuni e ad Arezzo Casa S.p.A. quale ente gestore, preannunciando le nostre richieste che abbiamo condiviso e approfondito nel corso delle assemblee”.
La Cgil tiene a precisare che “gli enti non sono controparti ma soggetti pubblici proprietari o gestori che, come gli abitanti, hanno interesse a finanziamenti certi e continui nonché a regole chiare che definiscano con correttezza i rapporti tra ente gestore e abitanti. Quindi siamo convinti che sia possibile costruire un fronte unitario attorno ad un unico obiettivo”.
Sono già in programma assemblee di caseggiato ad Arezzo e in provincia. L’obiettivo è di costruire comitati “Noi delle case popolari” in ogni comune in rappresentanza di tutti i blocchi per avere una forza contrattuale che, invece di rivendicare decine di problemi singoli, si ponga l’obiettivo di rivedere le regole scritte dall’associazione dei comuni che penalizzano gli assegnatari.
Inoltre per la fine di dicembre e gennaio saremo presenti ad Arezzo al mercato del sabato di via Giotto con gazebo per raccogliere firme di adesione all’iniziativa.
Già alcuni comuni hanno avanzato interesse e disponibilità ad incontrarci e stiamo organizzando i primi incontri ai quali vorremmo avere rappresentanti degli assegnatari.

Notizia del: sab 14 dic, 2019

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

24-01-2020
FP CGIL - CISL FP - UIL PA - UNSA - FLP denunciano carenze di ....
24-01-2020
Venerdì 31 gennaio alle ore 16.30 presso l’Auditorium della ....
24-01-2020
Posegue la moblitazione dei 120 dipendenti della Vibac di Vinci, ....
24-01-2020
Un monastero buddista sorgerà nella ex Cava di Poggio alla Penna ....
24-01-2020
“La Regione metterà in campo una task force di professionisti ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB® di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Français     Deutsch     Español     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)