Miele:Firenze città amica api,intesa per rilancio produzione Firmato tra Regione, Palazzo Vecchio e associazione Arpat

Sostenere e rilanciare il settore degli apicoltori, dopo un 2019 catastrofico a causa dei cambiamenti climatici. È l'obiettivo dell'accordo tra Regione Toscana, Comune di Firenze e Associazione regionale produttori apistici toscani (Arpat) firmato oggi in Palazzo Vecchio dall'assessore regionale all'agricoltura Marco Remaschi, dal sindaco Dario Nardella e da Duccio Pradella per Arpat. Alla base dell'accordo, l'impegno a realizzare azioni per garantire un ambiente urbano accogliente per la vita delle api e a promuovere iniziative di comunicazione sull'importanza del settore per la tutela della biodiversità. In Toscana, è stato spiegato, il settore del miele conta 5mila apicoltori e 93mila alveari, con una produzione di circa 3mila tonnellate nel 2018. Con l'accordo, il Comune di Firenze si impegna a riconoscere l'importanza delle api e dell'apicoltura; a sostenere lo sviluppo delle attività apistiche; a incrementare nel verde pubblico cittadino la coltivazione di specie vegetali di importanza nettarifera; a ridurre l'uso di biocidi e vietare l'uso di fitofarmaci. La Regione Toscana si impegna a promuovere anche in altre città il contenuto dell'accordo mentre Arpat, che conta oggi circa 800 soci per un totale di 27mila alveari, promuoverà presso i propri associati le azioni messe in campo. "Firenze è città amica delle api - ha detto Nardella - e da qui vogliamo lanciare un grido d'allarme per richiamare l'attenzione su un settore in crisi. Noi vogliamo puntare sulla biodiversità, sull'ambiente e quindi anche sulla possibilità di coltivare il miele in alcune zone del territorio comunale di Firenze". Remaschi ha ricordato che "come Regione abbiamo attuato di recente una serie di azioni: la riduzione dell'utilizzo di fitofarmaci e la concessione di micro-finanziamenti a tasso zero a favore delle piccole e medie imprese agricole toscane del settore apistico che hanno registrato la perdita della produzione di miele. Questo protocollo di intesa quindi rappresenta un ulteriore ed importante strumento".(ANSA).

Notizia del: sab 14 dic, 2019

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

20-06-2020
E’ passato un mese oramai dalla temuta apertura integrale ....
20-06-2020
Il primo contratto industriale nella crisi Covid 19, Sindacati: ....
19-06-2020
"Da anni il Pd lavora per la corretta gestione del ciclo dei ....
19-06-2020
"Il Consiglio di Stato respinge il ricorso della Edison verso ....
19-06-2020
Si è insediato oggi il tavolo di coordinamento per la realizzazione ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB® di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Français     Deutsch     Español     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)