Università, aspettado il ministro il 9/01 protesta la Flc Cgil per la scarsità dei fondi per luniversità

Per giovedì 9 gennaio sono in programma a Roma e in altre città italiane manifestazioni di protesta del personale universitario promosse da FLC CGIL, insieme con ADI e LINK Coordinamento Universitario, sulla base di un appello pubblicato giorni fa dai Ricercatori Determinati di Pisa.
“Il 25 dicembre 2019 – si legge nel comunicato della Flc – il Ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca, Lorenzo Fioramonti, si è dimesso, in polemica con il mancato ottenimento dei fondi richiesti per il rifinanziamento dei settori dell’istruzione e della ricerca all’interno della legge di bilancio per il 2020″.
Secondo la Flc i numeri della legge di bilancio fotografano una situazione a dir poco drammatica: “A fronte di un crollo dell’investimento pubblico sull’università, tale che il valore odierno dell’FFO (circa 7,5 miliardi di euro) risulta inferiore in termini assoluti a quello di dieci anni fa (considerando l’inflazione intercorsa dal 2009, servirebbe circa un miliardo di euro solo per ritornare al valore del finanziamento di 10 anni fa); sempre nell’ultimo decennio, il finanziamento ordinario ha subito complessivamente tagli per 5,3 miliardi di euro e la manciata di milioni stanziati con questa legge di bilancio suona come l’ennesima presa in giro”.
“Per quanto riguarda il personale – rimarca il sindacato di Francesco Sinopoli – l’università si regge per una significativa parte delle attività sul lavoro precario, condizione che riguarda un lavoratore su due degli addetti alla ricerca e alla didattica. La situazione del personale di ruolo in questa situazione risulta penalizzata e in molti atenei non ci sono fondi per riconoscere e valorizzare il lavoro svolto”.
“E la situazione – aggiunge ancora la FLC – non è certo più rosea per quanto riguarda il diritto allo studio, a partire dal livello delle tasse universitarie e dalla sparuta minoranza degli studenti iscritti che beneficia di una borsa di studio, per finire alla carenza strutturale di residenze e posti letto”.
“Lo sdoppiamento del MIUR – conclude il sindacato – di per sé non significa nulla rispetto ai problemi da affrontare, mentre sempre più urgente è un rifinanziamento strutturale delle università per garantire il loro corretto funzionamento, un piano di reclutamento ordinato e ciclico che assorba il precariato storico, investimenti per un diritto allo studio universale per studentesse e studenti”.

Notizia del: dom 05 gen, 2020

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

27-02-2020
Incidente sul lavoro in una segheria di Carrara (Massa Carrara) ....
27-02-2020
Stava cambiando con la gru una lampada dell'illuminazione pubblica. ....
27-02-2020
Con una nota diramata nel pomeriggio di ieri, mercoledì 26 febbraio, ....
27-02-2020
"Ho sentito Pietro Battista, presidente del gruppo Vibac. Nella ....
27-02-2020
Venti settimane in più di integrazione al reddito per lavoratori ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB® di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Français     Deutsch     Español     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)