Incontro al Mise su Piombino, Fiom Fim Uilm e Rsu Jsw: "Scettici e perplessi"

Con l’approssimarsi della scadenza dei 18 mesi per la presentazione del piano di fattibilità dell’area fusoria, Fim Fiom Uilm provinciali e la rsu Jsw e Piombino Logistics hanno incontrato questa mattina, presso la sede nazionale del Partito Democratico il vicesegretario onorevole Andrea Orlando, presenti anche Valerio Fabiani della segreteria regionale Toscana e Simone De Rosas, segretario di Piombino. L'incontro - che segue quelli fatti con il Prefetto, l'amministrazione comunale e la Regione - è servito per fare il punto sulle criticità del territorio piombinese (porto, bonifiche, infrastrutture e industria) e sulla necessità ormai improcrastinabile di ottenere un confronto tra tutti i soggetti interessati presso il Mise.
Riteniamo necessario eliminare l’alibi della criticità del costo energetico così da fare esporre all’Imprenditore le reali intenzioni sugli investimenti dei forni elettrici: quello da 1 Mt annui per i prodotti lunghi e quello da 2 Mt annui per i piani, così come previsto nel business plain. Indispensabile sono inoltre gli investimenti, per ora solo annunciati, sui treni di laminazioni e sulle demolizioni e smantellamenti, di cui non si ha più traccia.
Nel pomeriggio si è tenuto poi un incontro di aggiornamento con la Regione Toscana, al termine della riunione del Gruppo di Coordinamento e controllo per l'attuazione del programma di rilancio dell'area di Piombino. All'incontro erano presenti il governatore Enrico Rossi, il consigliere regionale Gianni Anselmi e Gianfranco Simoncini assessore del Comune di Livorno e consigliere del governatore Rossi.
Abbiamo appreso che nell'incontro del MiSe il vice capo di gabinetto dott. Sorial ha annunciato:
⁃ La conferma della prossima convocazione di un incontro con Jsw e la presenza delle organizzazioni sindacali entro 10/15 giorni.
⁃ La conferma che la questione energetica è risolta e già confermata all’azienda.
Sembra che si stia parlando di un possibile rinvio della presentazione del Piano industriale. Tutte notizie che, in attesa di trovare conferma, ci lasciano scettici e perplessi, visto che non è chiaro in quale modalità si sia risolto il tema energetico e quali siano le motivazioni di un probabile rinvio della presentazione del piano della nuova acciaieria elettrica.
Il nostro giudizio è di contrarietà in quanto il progetto è strettamente tarato per accompagnare i lavoratori con gli ammortizzatori sociali. Ogni ritardo potrebbe creare mancate coperture che non possiamo permetterci e nel caso sarà necessario garantire un allungamento del periodo di sorveglianza per dare le necessarie garanzie. Molte sono anche le criticità legate alla parte della logistica che però potranno essere sviscerate solo al prossimo incontro al Mise da effettuare entro fine mese.
Fiom Fim Uilm provinciali
Rsu Jsw Steel Italy e Piombino Logistics

-----------------------

Acciaio: Pd, massima attenzione su Piombino Oggi incontro tra vicesegretario Orlando e Rsu acciaierie

"Il Pd segue con attenzione la vicenda relativa alla situazione produttiva dello stabilimento di Piombino. I lavoratori delle acciaierie hanno sollecitato un rapido incontro con il Governo per verificare lo stato di attuazione dell'accordo di programma e il Partito Democratico si è impegnato per favorire quanto prima questo obiettivo". Così il Partito Democratico dopo che oggi si è tenuto un incontro presso la sede nazionale del Pd tra il vicesegretario del partito Andrea Orlando e le Rsu delle acciaierie di Piombino (Livorno). Presenti all'incontro, spiega una nota, anche Nicola Oddati della segreteria nazionale Pd, Valerio Fabiani della segreteria regionale della Toscana e il segretario di Piombino Simone De Rosas.(ANSA).

-----------------------------------

Jsw: Rossi, cose procedono lentamente ma direzione è giusta
"Mi pare che le cose stiano procedendo, anche se più lentamente di ciò che vorremmo, ma nella direzione giusta". Lo ha detto il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, terminato l'incontro di oggi al ministero dello Sviluppo economico per fare il punto sull'attuazione del programma di rilancio dell'area di crisi industriale complessa di Piombino (Livorno). Oltre al piano industriale di Jsw Italy, spiega una nota, la discussione è stata dedicata anche alla realizzazione delle infrastrutture viarie e alla fornitura di energia elettrica e gas al nuovo porto. "Dobbiamo far sì - ha spiegato Rossi in una riunione coi sindacati - di far emergere Piombino a livello nazionale, facendolo diventare un esempio di decarbonizzazione della produzione di acciaio. Ho parlato anche con Ferrovie dello Stato che conferma i suoi impegni di acquisto e che presto bandirà una nuova gara per le rotaie, rispetto alla quale dovremmo seguire l'esempio di altri Paesi europei che nei bandi riservano fino all'80% delle commesse al produttore nazionale". Per il governatore, "sarebbe importante avere l'attenzione del ministro Patuanelli, il cui interesse verso quello che é comunque il secondo polo italiano dell'acciaio, darebbe una risposta alla grande disponibilità mostrata dai lavoratori nello sforzo per il rilancio di Piombino".(ANSA).

Notizia del: gio 16 gen, 2020

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

26-02-2020
Snam e il gruppo Iren hanno perfezionato, a valle dell'ottenimento ....
26-02-2020
Via libera alla progettazione esecutiva ed alla successiva gara ....
26-02-2020
La Sala operativa della Protezione civile regionale ha comunicato ....
26-02-2020
"Non c'è più sul tavolo la discussione sul rilancio dell'azienda ....
26-02-2020
Padre e figlio minacciano di morte l'ex datore di lavoro, denunciati ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB® di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Français     Deutsch     Español     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)