Italia 'lumaca' in Europa per crescita dei salari. Siamo al terzultimo posto

L'ultimo dato disponibile, reso noto da Eurostat e riferito al terzo trimestre 2019, vede il nostro Paese al terzultimo posto. Pesano i contratti nazionali scaduti o in scadenza che interessano milioni di lavoratori
L'Italia è agli ultimi posti in Europa per incremento del costo del lavoro orario e, soprattutto, delle retribuzioni. L'ultimo dato disponibile, reso noto da Eurostat e riferito al terzo trimestre 2019, vede il nostro paese al terzultimo posto, con un incremento rispetto all'anno precedente dell'1,6% per quanto riguarda il costo orario e dell'1,3% per i salari, esattamente la metà della media dell'area euro e poco più di un terzo rispetto all'Ue a 28.
Solo Lussemburgo e Finlandia registrano incrementi inferiori, mentre in tutti gli altri paesi europei il costo del lavoro e le retribuzioni sono cresciute molto di più. A farla da padroni sono i paesi dell'Est – Romania +13,2%, Ungheria +10%, Bulgaria +9 – ma anche economie avanzate, come Germania e Regno Unito, registrano incrementi ben più ampi (rispettivamente +3,1% e +3,9%).

.


A frenare la crescita delle retribuzioni in Italia sono i tantissimi contratti nazionali scaduti. Secondo il recente rapporto del Cnel nel corso del 2020 scadranno 126 contratti nazionali che interessano milioni di lavoratrici e lavoratori, mentre a fine 2019 sono scaduti i tre Ccnl più corposi tra quelli in essere nel privato: terziario, distribuzione e servizi (2,4 milioni di addetti), aziende metalmeccaniche (1,4) e logistica (470.000). La percentuale dei lavoratori in attesa di rinnovo oscilla, sempre secondo il Cnel, dal 78 per cento nel settore metalmeccanico al 13-15 per cento nel chimico e nelle aziende di servizi.
Non va meglio ai lavoratori pubblici, il cui contratto è scaduto da un anno. Le risorse stanziate nella legge di bilancio, pari a 3,375 miliardi fino al 2021, sono considerate insufficienti da Cgil, Cisl e Uil, perché coprirebbero un aumento salariale di circa il 3,5%.
“Non rinnovare i contratti è uno schiaffo in faccia ai lavoratori – ha dichiarato Tania Scacchetti, segretaria confederale della Cgil –. Significa alimentare sfiducia, insicurezza, indebolire la qualità della vita di chi lavora, le diseguaglianze. Significa non dotarsi dell'unico strumento utile a ridurre invece le disuguaglianze, a gestire le trasformazioni, a governare il mercato del lavoro, a mettere al centro la sicurezza e la formazione”. “"Più si ritardano i rinnovi – fa notare la sindacalista – più si deve recuperare potere d'acquisto: dovrebbe esserci maggiore sensibilità dalle parti datoriali”. di Fabrizio Ricci da rassegna.it

Notizia del: ven 17 gen, 2020

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

03-04-2020
Arriva un premio economico da 38 milioni di euro per gli operatori ....
03-04-2020
La Regione Toscana ha prorogato la validità dei tagliandi Isee-Tpl ....
03-04-2020
Un appello per chiedere, oltre alle misure di sostegno economico, ....
03-04-2020
“Stiamo venendo a conoscenza di inaccettabili discriminazioni ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB® di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Français     Deutsch     Español     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)