Prato: progetto 'Lavoro Sicuro', in regola 64% aziende Usl, 13mila controlli in in 6 anni, -24% reati accertati

Oltre 13mila imprese ispezionate in sei anni e un progressivo miglioramento delle condizioni di sicurezza, con una percentuale di aziende in regola passata dal 15,9% iniziale al 64% nel 2019. E' questo il bilancio del progetto regionale 'Lavoro Sicuro', partito in tutta l'area tra Prato e Firenze dopo la morte di sette operai cinesi, nel 2013, a seguito dell'incendio nel capannone Teresa Moda di Prato in cui lavoravano e vivevano. Secondo quanto reso noto dall'Asl Toscana Centro nella terza fase del progetto, partita nell'aprile del 2019 e la cui conclusione è prevista per fine 2020, sono state controllate 1.343 imprese, registrando una riduzione dei reati, accertati nel 24% dei sopralluoghi rispetto al 54,8% della prima fase del progetto. Registrato anche un "significativo decremento della presenza di dormitori abusivi all'interno dei luoghi di lavoro (-68%) e degli impianti elettrici fatiscenti (-80,1%), con conseguente diminuzione dei sequestri del 93%".(ANSA).

Notizia del: lun 20 gen, 2020

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

19-02-2020
“Oggi si è svolto presso la sede di Confindustria a Roma ....
19-02-2020
La vertenza delle ex lavoratrici Piaggio, che da giorni 'occupano' ....
19-02-2020
Assunzioni di personale, contratti prorogati, nuova foresteria ....
19-02-2020
La rsu e le organizzazioni sindacali di Rimateria hanno deciso ....
19-02-2020
Presidio dei lavoratori Alp, oggi a Livorno sotto la sede dell'Autorità ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB® di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Français     Deutsch     Español     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)