Lavoratori appalti Università di Firenze, salari e diritti a rischio: stamani presidio sotto Palazzo Vecchio

Lavoratori degli appalti (pulizie, vigilanza, front-office) dell’Università di Firenze, stipendi e diritti a rischio: stamani presidio Cgil sotto Palazzo Vecchio in occasione dell’inaugurazione dell’anno accademico (a cui sono intervenuti il rettore Dei e il premier Conte) Un presidio in piazza Signoria, sotto Palazzo Vecchio, in occasione dell’inaugurazione dell’anno accademico alla presenza del rettore Dei e del premier Conte: così le lavoratrici e i lavoratori degli appalti dell’Università di Firenze (front-office, pulizie, vigilanza nei poli Centro Storico, Novoli, Careggi, Sesto F.no), insieme a Filcams Cgil e Flc Cgil, hanno espresso la loro preoccupazione e cercato di tenere alta l’attenzione sul nuovo bando di gara per i servizi di Ateneo, che non garantisce l’applicazione dei contratti in essere ed espone il personale (si tratta di oltre duecento persone) alla perdita di salario e diritti. E’ inaccettabile che tutto ciò avvenga dentro l’istituzione formativa e culturale per eccellenza della Città di Firenze. Tanto più che, per fare un esempio, attualmente il personale che garantisce l’apertura delle Biblioteche Umanistica e delle Scienze Sociali nella fascia oraria serale e del sabato pomeriggio e guadagna 3,98 euro netti l’ora: non si può accettare che il servizio prosegua a queste condizioni, che questo vergognoso precedente, in combinato disposto con le blande tutele previste nel bando, rischi di dimezzare la paga di tutte le altre lavoratrici e lavoratori terziarizzati. Non si può accettare che a ogni cambio appalto si mettano in discussione stipendio, tutele, fino al posto di lavoro stesso, soprattutto in un momento storico in cui le altre amministrazioni pubbliche firmano protocolli virtuosi e avviano buone pratiche di uscita dal sistema degli appalti. Le lavoratrici e i lavoratori hanno chiesto un incontro con il rettore Dei affinché questi si assuma la responsabilità politica di garantire il mantenimento delle condizioni economiche e normative attuali, valuti la possibilità di aumentare il budget economico relativo ai servizi serali e del sabato pomeriggio per garantire una paga oraria dignitosa, avvii un percorso che, partendo dallo sviluppo di un protocollo a tutela di chi lavora nei servizi dell’università, arrivi alla valutazione di formule alternative e maggiormente tutelanti dell’appalto.
Filcams Cgil Firenze

Notizia del: mar 21 gen, 2020

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

21-02-2020
Un anno di lavori e 20 milioni di investimento per pavimentare ....
21-02-2020
Adesso ci sono le condizioni perché nell’impianto di Rimateria ....
21-02-2020
E' un vortice polare che ha raggiunto valori da record il responsabile ....
21-02-2020
Antonella Giachetti è la nuova presidente di Aidda Toscana, l'associazione ....
21-02-2020
In Toscana la spesa farmaceutica è calata notevolmente dal 2016 ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB® di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Français     Deutsch     Español     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)