Fiom Cgil Firenze: Ccnl dei metalmeccanici dipendenti di aziende artigiane, aperto il confronto

“Il rinnovo in tempi certi dei contratti nazionali e regionali diventa un modo per rafforzare e tutelare i diritti e salari dei lavoratori artigiani, troppo spesso ultimi nella filiera manifatturiera”
Grande partecipazione e forte attenzione sull'ipotesi di piattaforma di Fim, Fiom e Uilm per il rinnovo del contratto nazionale del settore artigianato metalmeccanico, applicato in aziende che operano in settori diversi, dall’installazione di impianti alle imprese odontotecniche, dalle officine meccaniche alle fonderie, dagli elettricisti agli orafi.
Nonostante l'artigianato sia un settore di eccellenza del saper fare, del made in Italy, il rinnovo del Ccnl avviene in tempi troppo lunghi e incerti, determinando differenze tra i lavoratori artigiani e quelli delle diverse categorie, soprattutto in termini di una più bassa retribuzione e una mancata tutela dei diritti riguardo la malattia. Anche a livello regionale, in Toscana il contratto è fermo al 2007.
“Il rinnovo in tempi certi dei contratti nazionali e regionali diventa un modo per rafforzare e tutelare i diritti e salari dei lavoratori artigiani, troppo spesso ultimi nella filiera manifatturiera”, dichiara Daniele Collini della Fiom di Firenze.
“L'ipotesi di rinnovo viene sottoposta in questi giorni alla consultazione dei lavoratori e delle lavoratrici nelle oltre 100 assemblee in corso sul territorio fiorentino. Tra le condizioni presenti nella piattaforma più apprezzate dai lavoratori ci sono gli aumenti salariali e la copertura delle prime tre giornate di malattia, mentre la richiesta più frequente riguarda il rafforzamento della sanità integrativa sia come numero di prestazioni che come strutture convenzionate.
Le assemblee per il rinnovo del contratto nazionale degli artigiani sono prima di tutto una grande prova di democrazia e di ascolto di tutte le lavoratrici e di tutti i lavoratori. La risposta dei lavoratori è incoraggiante. La grande partecipazione al voto, che ha coinvolto l'80% degli addetti complessivi che hanno votato a favore del rinnovo, è la prova del valore del contratto nazionale quale strumento di tutela dei diritti di tutti i lavoratori”
spiega Daniele Collini.
Nell'Assemblea generale della Fiom di Firenze del 31 gennaio il primo punto all'ordine del giorno sarà il rinnovo del Ccnl artigiani, affinché anche i delegati dell'industria siano a conoscenza del processo di rinnovo in questo settore. Inoltre, anche durante gli attivi di zona che si terranno in tutte le aree sindacali della provincia fiorentina la piattaforma sarà il tema centrale degli ordini del giorno. “L’obiettivo è quello di rilanciare il settore dell'artigianato e come Fiom di Firenze ci impegneremo nel riconoscimento dei diritti di questi lavoratori e nella legittimazione del ruolo di questo importante settore” conclude Collini.

 

Notizia del: lun 27 gen, 2020

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

30-03-2020
"Negli appalti degli alberghi, addetti senza lavoro e senza ammortizzatori ....
30-03-2020
Ammontano a 21,4 milioni le risorse straordinarie stanziate dal ....
30-03-2020
Senza il reddito di cittadinanza sarebbe esplosa l'emergenza ....
30-03-2020
Stiamo vivendo un periodo eccezionalmente difficile e complesso ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB® di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Français     Deutsch     Español     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)