Pfas: Arpa Toscana (Arpat), presenza inquinanti vicino centri abitati Contribuiscono distretti tessile e vivaistico

"Nel tratto iniziale del fiume Arno non si ritrovano contaminazioni" da Pfas mentre "in vicinanza dei primi centri abitati, dei primi depuratori, di Firenze, si comincia a notare la presenza di queste sostanze". Così Guido Spinelli, direttore tecnico di Arpa Toscana (Arpat), nel corso di una serie di audizioni, sia ieri che oggi, che la commissione Ecomafie ha dedicato agli inquinanti Pfas. "Un apporto significativo - aggiunge - è sicuramente dovuto agli affluenti del fiume, e dalla zona di Prato e Pistoia, dove ci sono due importanti distretti; a Prato quello tessile molto importante, e nel pistoiese quello vivaistico. Un altro contributo arriva dal canale Usciana, dove confluiscono i reflui dei depuratori del conciario di San Miniato e di Fucecchio". (ANSA).

Acqua: Pistoia vieta uso pozzi vicino ex discarica Bulicchia Ordinanza Comune dopo verifiche Asl Toscana CentroDivieto di utilizzo di acqua per uso potabile da pozzi privati presenti in un'area compresa entro un raggio di 300 metri a nord e 500 metri a sud della ex discarica Bulicata, a Pistoia. Lo ha emesso il Comune di Pistoia in via cautelativa a tutela della salute pubblica. L'ordinanza, spiega una nota, "vieta ai proprietari e utilizzatori di pozzi privati, di utilizzare l'acqua per uso potabile, preparare cibi, lavare stoviglie, igiene personale e della casa". Il provvedimento scaturisce da una serie di verifiche preliminari svolte dalla Asl Toscana Centro relative alla contaminazione rilevata in uno dei pozzi di controllo della ex discarica di Bulicata. Dai controlli è emersa una situazione di probabile diffusa non regolarità dei pozzi privati a servizio delle abitazioni, sotto il profilo dell'utilizzo dell'acqua emunta per scopi domestici potabili. "L'acqua del pozzo - spiega il Comune - può essere adibita a uso potabile solo se ne risulta legittimato, ai sensi delle norme vigenti, l'utilizzo a scopo domestico potabile, e comunque non prima di aver verificato l'assenza di 1,1-dicloroetene, 1,2-dicloroetene, tricloroetilene e cloruro di vinile".(ANSA).

Notizia del: mar 28 gen, 2020

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

26-02-2020
Padre e figlio minacciano di morte l'ex datore di lavoro, denunciati ....
25-02-2020
A Follonica (Grosseto) scuole, parchi pubblici e il cimitero ....
25-02-2020
"Dobbiamo ridimensionare questo grande allarme, che è giusto, ....
25-02-2020
Un operaio 30enne mentre stava effettuando alcuni lavori è caduto ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB® di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Français     Deutsch     Español     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)