Un'altra picconata al Jobs act. Comitato europeo diritti sociali accoglie contestazioni Cgil

Il Comitato europeo dei diritti sociali accoglie le contestazioni della Cgil: “Viola il diritto a ricevere un congruo indennizzo in caso di licenziamento”. Il sindacato: “Ora va ripensata la disciplina, ripristinando e allargando l'articolo 18”
Una altra picconata al Jobs act. Il Consiglio d’Europa, oggi (11 febbraio), ha decretato che l'Italia viola il diritto dei lavoratori a ricevere “un congruo indennizzo o altra adeguata riparazione” in caso di licenziamento illegittimo. ╚ il risultato del reclamo collettivo presentato dalla Cgil nel 2017, con il sostegno della Confederazione europea dei sindacati.
“Dal Comitato europeo dei diritti sociali arriva una buona notizia che rappresenta una vittoria. Con il Jobs act, l’Italia viola un diritto sancito dalla Carta sociale europea”. ╚ quanto fa sapere la Cgil nazionale.
“Il Comitato - continua il sindacato - ha accolto tutte le contestazioni da noi espresse e ha riconosciuto che il decreto legislativo n. 23/2015 Ŕ in contrasto con l’art. 24 della Carta sociale europea che sancisce il diritto alla reintegra per ogni lavoratore ingiustamente licenziato, oppure, se questa non Ŕ concretamente praticabile, un risarcimento commisurato al danno subito, senza ‘tetti’ di legge”.
Il Consiglio d’Europa ha infatti riconosciuto che il sistema sanzionatorio del licenziamento illegittimo configurato dal Jobs act, anche dopo le modifiche del 2018, resta privo dei requisiti di “effettivitÓ” e “deterrenza” richiesti dall’articolo 24 della Carta sociale europea. Infatti la legislazione italiana esclude a priori la possibilitÓ di essere reintegrati nella maggior parte dei casi di licenziamento e fissa l’importo massimo dell’indennizzo erogabile al lavoratore: 36 mesi di retribuzione per i dipendenti di imprese medio-grandi, e 6 mesi per quelli delle piccole imprese. Questo, di fatto, impedisce al giudice ogni possibilitÓ di valutare e di riconoscere l'eventuale danno supplementare subito dal lavoratore a seguito del licenziamento.
“Il monito arrivato da Strasburgo - prosegue la Cgil - Ŕ netto e ineludibile, smentisce l’impianto teorico del Jobs act. Ora va ripensata la disciplina del licenziamento non domandandosi quale sia il regime pi¨ favorevole per le imprese, ma quali siano le tutele pi¨ adeguate per i lavoratori e le lavoratrici. La via da seguire - conclude - esiste giÓ: il ripristino e l'allargamento dell'articolo 18, come da noi sostenuto nel progetto di legge di iniziativa popolare 'Carta dei diritti universali del lavoro', tuttora pendente in Parlamento”. da rassegna.it

Notizia del: mar 11 feb, 2020

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

30-03-2020
"Negli appalti degli alberghi, addetti senza lavoro e senza ammortizzatori ....
30-03-2020
Ammontano a 21,4 milioni le risorse straordinarie stanziate dal ....
30-03-2020
Senza il reddito di cittadinanza sarebbe esplosa l'emergenza ....
30-03-2020
Stiamo vivendo un periodo eccezionalmente difficile e complesso ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di pi¨ leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)