Galleria Accademia (Firenze), lavoratori e Cgil proclamano lo Stato d'agitazione: "Salute e sicurezza a rischio''

Accademia (Firenze), lavoratori e Cgil proclamano lo Stato d’agitazione: “Seria preoccupazione per le condizioni di salute e sicurezza all'interno della Galleria”
Nelle mattinata di oggi, i dipendenti ministeriali impiegati presso la Galleria dell’Accademia, i dipendenti delle società concessionarie e in appalto Opera Laboratori Fiorentini e Ales Spa si sono riuniti in assemblea per esprimere seria preoccupazione rispetto alle condizioni di salute e sicurezza all'interno della Galleria dell'Accademia.
E’ noto da tempo che il sistema di aerazione, obsoleto e difettoso, debba essere sostituito per garantire un clima consono alle esigenze di conservazione delle opere, di benessere dei lavoratori e delle migliaia di turisti che ogni giorno fruiscono di uno dei siti museali più visitati al mondo.
Nella progettazione dei lavori, a seguito di indagini sulle condotte di aerazione, sono emersi problemi tanto che la ventilazione è stata spenta per mettere in sicurezza i locali. Come Cgil abbiamo chiesto alla Direzione degli Uffizi di avere informazioni dettagliate sulle risultanze delle indagini e abbiamo chiesto al Dipartimento di Prevenzione dell’Ausl Toscana Centro di intervenire in merito.
Le risposte avute non sono sufficienti: non si hanno notizie sul passato in merito a cosa si è respirato negli ultimi anni, non si sa come sarà gestita la situazione dei prossimi mesi ma soprattutto non si hanno notizie sui lavori di riparazione dell’impianto e sul loro impatto nell’ambiante di lavoro.
Per tutte queste ragioni, l'assemblea dei lavoratori ha deciso la formalizzazione dello stato di agitazione e richiesto l'apertura del tavolo di conciliazione al Prefetto di Firenze alla presenza del Direttore della Galleria e della USL competente.

Galleria Accademia: Cgil, Mibact ancora non manda ispettori
"Denunciamo una mancanza assoluta da parte del ministero dei Beni culturali perché due settimane fa il Mibact ha detto che avrebbe disposto un'ispezione nel nostro museo ma noi ancora gli ispettori non li abbiamo visti". Lo afferma Mirella Dato del sindacato Fip Cgil sull'agitazione del personale della Galleria dell'Accademia di Firenze, preoccupati per la loro salute a causa di problemi all'impianti di areazione interno. "Inoltre non c'è ancora stata la nomina del nuovo direttore.- aggiunge- Tuttavia sappiamo che l'ordine di servizio di chiusura dell'impianto di areazione lo ha firmato il direttore pro-tempore Eike Schmidt,e quindi riteniamo lui il nostro interlocutore a livello locale". Lo stato di agitazione per cui "dobbiamo ancora decidere l'articolazione" prende le mosse dalla chiusura dell'impianto "con effetto immediato in seguito a indagine dal 3 febbraio. Noi - spiega la sindacalista - stiamo chiedendo da allora di essere aggiornati sulle ragioni di questa decisione così drastica, sui giornali abbiamo letto delle fibre di vetro, e i lavoratori sono preoccupatissimi per quello che possono aver respirato. In una situazione così delicata per la salute dei lavoratori questo silenzio è intollerabile".(ANSA).

Notizia del: gio 20 feb, 2020

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

30-03-2020
Stiamo vivendo un periodo eccezionalmente difficile e complesso ....
29-03-2020
Sono 305 i nuovi casi positivi al Coronavirus registrati in Toscana ....
29-03-2020
Che sia peste, colera, vaiolo o influenza, il comportamento dell'uomo ....
29-03-2020
L'Unità di crisi della Regione Toscana riguardo all'emergenza ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB® di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Français     Deutsch     Español     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)