Contratti Legno-arredo, è sciopero. Interviste e immagini dalla manifestazioe interregionale di Pesaro

Oggi si fermano per otto ore tutti i dipendenti diretti e interinali del settore. Il contratto è scaduto il 31 marzo del 2019 e riguarda circa 150 mila lavoratori, che oggi scendono in piazza con 4 manifestazioni interregionali: a Milano, Treviso, Pesaro, Bari

Oggi, venerdì 21 febbraio, si fermano i lavoratori del settore legno-arredo industria. È il giorno dello sciopero generale di 8 ore di tutti i dipendenti diretti e interinali. A proclamarlo, lo scorso 10 gennaio, erano state le sigle sindacali del settore Feneal, Filca e Fillea, dopo la rottura delle trattative con Federlegno per il rinnovo del contratto nazionale di categoria.
Il contratto è scaduto il 31 marzo del 2019 e riguarda circa 150 mila lavoratori, che oggi scendono in piazza con 4 manifestazioni interregionali: a Milano, Treviso, Pesaro e Bari. I sindacati dicono “no all’aumento della precarietà e alla riduzione dei diritti”, perché i lavoratori del settore “aspettano risposte da quasi un anno e non meritano il trattamento riservato finora da una controparte che intende affermare un modello di impresa basato non sulla qualità del lavoro, sugli investimenti, sulla professionalità e sul benessere organizzativo, ma sulla riduzione dei costi e su una gestione unilaterale dell’organizzazione del lavoro. Noi non ci stiamo”.
“L’abbandono del tavolo – proseguono i sindacati – è stato un atto gravissimo che mostra una scarsa considerazione delle relazioni industriali, mentre siamo convinti che le nuove sfide sui mercati si vincano puntando all’innovazione e sul governo delle trasformazioni produttive, investendo in capitale umano, pagato il giusto e con le adeguate tutele e protezioni, e rafforzando la partecipazione dei lavoratori. Chiediamo un contratto che redistribuisca risorse adeguate ai lavoratori – concludono i sindacati – difendendo la qualità del lavoro e garantendo un forte sistema di relazioni industriali nell’ottica della partecipazione e del benessere organizzativo”.
Per Feneal, Filca e Fillea nella proposta di Federlegno mancano risposte “su temi a noi cari come ambiente e sicurezza, formazione, diritti, bilateralità, welfare e aumenti retributivi. Su questi ultimi c’è stata solo la conferma del modello, senza nessuna certezza sulla quantità”.

Le intervste  con le immagini della manifestazione interregionale di Pesaro

Notizia del: ven 21 feb, 2020

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

30-03-2020
"Negli appalti degli alberghi, addetti senza lavoro e senza ammortizzatori ....
30-03-2020
Ammontano a 21,4 milioni le risorse straordinarie stanziate dal ....
30-03-2020
Senza il reddito di cittadinanza sarebbe esplosa l'emergenza ....
30-03-2020
Stiamo vivendo un periodo eccezionalmente difficile e complesso ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB® di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Français     Deutsch     Español     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)