Rimateria, incontro in Regione: l'attività riprende. Sindacati, evitato rischio nuovo ecomostro

Adesso ci sono le condizioni perché nell’impianto di Rimateria possano avvenire nuovamente conferimenti e questo sulla base delle rigorose, e non derogabili, prescrizioni fissate dall’ordinanza emessa ieri dalla Direzione ambiente della Regione Toscana.
Nella riunione odierna del tavolo di crisi sull’azienda di Ischia di Crociano - convocato dal consigliere del presidente della Regione per il lavoro, Gianfranco Simoncini, raccogliendo una richiesta delle organizzazioni sindacali - è stato fatto il punto sul nuovo scenario aperto dal provvedimento regionale. Erano presenti il direttore della Direzione ambiente, Edo Bernini, l’assessore piombinese Sabrina Nigro, l’intero Cda dell’azienda e i rappresentanti di Fp-Cgil, Fit Cisl, Uil trasporti e della Rsu.
L’ordinanza, ha spiegato il direttore Bernini, ha revocato il precedente blocco sulla base dei controlli effettuati da Arpat e definisce in maniera puntuale gli obblighi di risanamento e tutela ambientale richiesti per lo svolgimento delle attività, fissando anche precisi limiti temporali per la realizzazione degli interventi ulteriori richiesti.
La delegazione sindacale ha espresso forte apprezzamento per l’impegno delle istituzioni nel lavoro di controllo e verifica che ha consentito l’emanazione del provvedimento e per l’azione della società per gli interventi già compiuti sulla discarica, in modo da scongiurare una crisi irreversibile dell’impianto.
Da parte loro, i rappresentati del Cda presenti all’incontro hanno informato che il 27 febbraio prossimo si riunirà l’assemblea dei soci per una valutazione delle prospettive dell’azienda alla luce del provvedimento regionale che ha eliminato il blocco dei conferimenti.
Da Simoncini, che ha concluso l’incontro, è giunta la sollecitazione all’azienda affinché prosegua nel lavoro di messa a norma dell’impianto, in modo da superare i problemi di impatto ambientale e scongiurare ogni rischio per il mantenimento dei livelli occupazionali. Oggi, ha sottolineato Simoncini, possiamo considerare concluso, anche grazie all’attenzione e alla disponibilità della Regione e del Comune di Piombino, questo lungo e complesso percorso. Potrà naturalmente proseguire il confronto a livello territoriale tra azienda e sindacati e con Ato e Comune per la gestione dei rifiuti in sede locale.

RIMATERIA, EVITATO IL RISCHIO DI UN NUOVO ECOMOSTRO
La discarica di Rimateria non verrà abbandonata e così sarà evitato il rischio di un nuovo ecomostro. Oggi venerdì 21 febbraio i rappresentanti sindacali di Fp-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti hanno incontrato in Regione i vertici di Rimateria (presenti il presidente del cda Pellati insieme ai consiglieri Giovannini e Campi) e l'assessore del Comune di Piombino Sabrina Nigro. Per la Regione erano presenti Gianfranco Simoncini e Edo Bernini.
Nel corso dell'incontro è emersa una novità importante: Piombino non dovrà sopportare un nuovo problema ambientale. La riapertura dei conferimenti in discarica garantisce infatti la messa in sicurezza dell'impianto e più in generale del territorio.
Questo importante risultato è merito delle istituzioni che si sono impegnate in modo importante
affinché la discarica operasse in modo efficiente e nel rispetto della cittadinanza. Un ringraziamento importante va perciò alla Regione e al Comune per aver chiesto e ottenuto quelle opere necessarie e urgenti affinchè l'impianto potesse tornare a ricevere i conferimenti. Ci preme inoltre evidenziare il costante sostegno delle amministrazioni comunali di tutta la Val di Cornia. I concreti e tangibili miglioramenti sono dovuti anche ai soci privati che non hanno lesinato investimenti affinché l'impianto ritrovasse la necessaria efficienza. E' inoltre importante sottolineare l'importante ruolo giocato da Pellati: il presidente del cda grazie alla sua intelligenza ha infatti saputo trovare costantemente il necessario equilibrio per la garanzia dei diritti di tutte le parti in causa.
A Fp-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti non rimane che rivendicare la difesa dei 44 posti di lavoro più l'indotto, registrare l'importante incontro di oggi e continuare nel lavoro di tutela di cittadini, territorio e lavoratori attendendo con fiducia l'assemblea straordinaria dei soci del 27 febbraio prossimo che a nostro avviso delibererà la continuità aziendale e i necessari investimenti sulla azienda.
Fp-Cgil
Fit-Cisl
Uiltrasporti

 

Notizia del: ven 21 feb, 2020

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

06-04-2020
Il governo deve fornire dei ''chiarimenti su un messaggio'' dell'Inps, ....
06-04-2020
Solo nel caso poco probabile di un ritorno in classe entro il ....
06-04-2020
Una graduale ripresa delle attività in Italia non prima della ....
06-04-2020
Il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi ha firmato l'ordinanza ....
06-04-2020
L'Università di Pisa conferirà domani la laurea alla memoria ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB® di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Français     Deutsch     Español     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)