SICUREZZA: LIVORNO; E' GUERRA TRA PARROCO E SINDACO
Come in un libro di Giovanni Guareschi, a Livorno esplode la guerra tra "Don Camillo e Peppone". I protagonisti sono un parroco di frontiera, don Edoardo Medori, e il sindaco Alessandro Cosimi. Oggetto del contendere la questione sicurezza nel centro cittadino e una lettera riservata di accuse che il sacerdote ha inviato al politico, alla quale Cosimi ha risposto rendendo pubbliche entrambe. Don Medori accusa il sindaco di "avere fatto pressioni" al vescovo affinché scoraggiasse il sacerdote dall'assistere alla seduta di ieri in consiglio comunale dove si sarebbe dovuto parlare di sicurezza. In aula don Medori non c'era, ma per impegni personali e non per altro. Ma nella sua lettera al sindaco dice di essersi sentito "colpito alle spalle". "In lei - scrive il sacerdote - è prevalsa la paura ideologica, lei é ancora legato al passato, ai metodi repressivi e agli interventi dall'alto". Nella replica Cosimi smentisce le pressioni sul vescovo e aggiunge: "Le confesso la mia incredulità rispetto al tono con cui lei ha ritenuto opportuno rivolgersi al sindaco di Livorno. E' mio dovere istituzionale preservare la dignità del ruolo che i cittadini mi hanno chiamato a rivestire. Dignità oggettivamente minata dalle sue parole". (ANSA).
Notizia del: mar 21 lug, 2009

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

26-02-2020
Sostegno diretto alle start up, sconti fiscali, costruzione distretti ....
26-02-2020
Massima collaborazione e definizione al pi¨ presto di misure ....
26-02-2020
Si Ŕ riunito oggi alla Spezia, presso la sede dell'AutoritÓ di ....
26-02-2020
Per consentire l'operativitÓ dei cantieri sulla linea Firenze ....
26-02-2020
"Tra l'azione costante di promozione e valorizzazione delle nostre ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di pi¨ leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)