TRAVOLTO DA CRISI IMPRENDITORE TESSILE S'IMPICCA IN FABBRICA
Travolto dalla crisi economica che aveva messo in ginocchio la sua azienda, un imprenditore tessile pratese si è impiccato ieri, nel capannone della sua società a Montemurlo, in provincia di Prato. E' stata la moglie, dopo aver aperto i cancelli dello stabilimento, a trovare il corpo, appeso con una corda ad una barra del soffitto. Ne danno notizia oggi alcuni giornali. L'uomo, 48 anni, padre di cinque figlie di età compresa tra gli 11 e i 20 anni, era titolare della ditta Green Fil e apparteneva ad una famiglia di industriali tessili. Profondamente angosciato dalle difficoltà economiche provocate dalla crisi, che si èabbattuta sul distretto pratese aggravando una situazione già compromessa, l'imprenditore pare avesse espresso la paura di non poter neppure riaprire l'azienda in settembre. I problemi della sua impresa, secondo quanto si apprende, sarebbero stati legati alla stretta creditizia delle banche e ad un forte calo delle commesse. (ANSA).
Notizia del: mar 04 ago, 2009

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

26-02-2020
Sostegno diretto alle start up, sconti fiscali, costruzione distretti ....
26-02-2020
Massima collaborazione e definizione al pi¨ presto di misure ....
26-02-2020
Si Ŕ riunito oggi alla Spezia, presso la sede dell'AutoritÓ di ....
26-02-2020
Per consentire l'operativitÓ dei cantieri sulla linea Firenze ....
26-02-2020
"Tra l'azione costante di promozione e valorizzazione delle nostre ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di pi¨ leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)