SCUOLA: FLC CGIL,TAGLI A PRECARI COMPROMETTONO QUALITA' SERVIZIO
La FLC Cgil ''ha ribadito le ragioni della protesta del mondo della scuola e in particolare dei precari che sta animando l'avvio dell'anno scolastico'', rappresentando le situazioni delle diverse regioni italiane, ''le pesanti ripercussioni sulla qualita' del servizio offerto alle famiglie a causa dei tagli agli organici'' e segnalando ''le condizioni di sovraffollamento delle classi, con conseguenti rischi connessi alla sicurezza nelle scuole ed un peggioramento generalizzato della qualita' dell'offerta formativa''. Lo ha detto Domenico Pantaleo, segretario generale della Federazione Lavoratori della Conoscenza Cgil, dopo l'incontro avuto con i dirigenti amministrativi, durante il presidio davanti al Ministero dell'Istruzione.
La FLC Cgil, circa l'emendamento in merito ai contratti di disponibilita' e agli accordi regionali ha ribadito che ''si tratta di soluzioni parziali, insufficienti e inique''. In queste ore, infatti, secondo Pantaleo, emerge con sempre maggiore chiarezza che ''non si tratta di misure aggiuntive a quanto gia' previsto dalle leggi vigenti, circa requisiti e modalita' di accesso al trattamento di disoccupazione ordinaria''. Sulla priorita', poi, per l'assegnazione delle supplenze brevi assegnate dalle scuole ''si annullano di fatto le attuali graduatorie d'istituto, introducendo una pesante discriminazione tra i lavoratori precari oltre a configurare una forma di contratto che sembra debordare dalle normali caratteristiche dei rapporti di lavoro subordinato'' (inoltre, e' stato richiesto ''che tra le misure necessarie ad incrementare il numero delle supplenze debbano essere ricompresi gli spezzoni fino a 6 ore'').
La FLC Cgil, di fronte a questa situazione, ''ritiene non piu' rinviabile un tavolo di confronto presso la Presidenza del Consiglio, che affronti in termini complessivi le problematiche nella scuola a partire da: un piano straordinario con risorse aggiuntive, l'abolizione dei tagli, un piano certo di immissioni in ruolo per docenti e ATA''. In quella sede, poi- secondo Pantaleo - ''si dovranno affrontare, anche con la Conferenza Stato-Regioni, i temi relativi agli accordi regionali che hanno bisogno di un indirizzo generale per garantire un raccordo con gli strumenti nazionali e allo stesso tempo rispondere alle scelte formative di programmazione regionale''. Su tali obiettivi, ha concluso Pantaleo, la FLC Cgil continuera' ''la mobilitazione''.
asca
Notizia del: gio 10 set, 2009

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

03-04-2020
Arriva un premio economico da 38 milioni di euro per gli operatori ....
03-04-2020
La Regione Toscana ha prorogato la validitÓ dei tagliandi Isee-Tpl ....
03-04-2020
Un appello per chiedere, oltre alle misure di sostegno economico, ....
03-04-2020
“Stiamo venendo a conoscenza di inaccettabili discriminazioni ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di pi¨ leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)