ENI: LIVORNO; PD CHIEDE A GOVERNO DI APRIRE TAVOLO CONFRONTO
Il Governo si impegni ad aprire un tavolo di confronto con Eni, Regione Toscana, sindacati e istituzioni locali per fronteggiare il rischio dismissione della raffineria Eni di Stagno (Livorno). E' quanto chiedono 26 senatori del Pd in un'interrogazione al Presidente del Consiglio e ai ministri del Welfare, dello Sviluppo Economico e dell'Ambiente. Un'altra interrogazione era stata presentata anche da Ermete Realacci. I senatori del Pd chiedono al Governo di accertare che "alla base della vendita ci sia un vero piano industriale, che nell'immediato futuro sia prevista una bonifica della zona dall'inquinamento prodotto dall'Eni in questi anni e infine di verificare con la dirigenza del gruppo che non sia in atto una politica generalizzata di dismissioni degli impianti produttivi attivi in tutta Italia". Intanto a Livorno i dipendenti della raffineria Eni continuano a presidiare gli accessi alla raffineria per impedire il rifornimento di zolfo e altri minerali e dunque bloccare lo stabilimento. (ANSA).
Notizia del: gio 10 set, 2009

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

27-02-2020
Incidente sul lavoro in una segheria di Carrara (Massa Carrara) ....
27-02-2020
Stava cambiando con la gru una lampada dell'illuminazione pubblica. ....
27-02-2020
Con una nota diramata nel pomeriggio di ieri, mercoledý 26 febbraio, ....
27-02-2020
"Ho sentito Pietro Battista, presidente del gruppo Vibac. Nella ....
27-02-2020
Venti settimane in pi¨ di integrazione al reddito per lavoratori ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di pi¨ leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)