CGIL DENUNCIA: IL COMUNE DI MASSAROSA CHIEDE IL PAGAMANTO DI UNA TASSA PER DARE VOLANTINI
Vuoi pubblicizzare, distribuendo qualche volantino, un’assemblea di anziani? A Massarosa devi pagare. Lo denuncia Doriana Francesconi, segretaria del sindacato dei pensionati della Cgil, che è rimasta allibita della risposta che si è sentita dare dalla Ica, la ditta che per conto del Comune gestisce la riscossione delle imposte sul suolo pubblico e sulle affissioni pubblicitarie.
«Volevamo pubblicizzare la manifestazione di sabato a Lucca - spiega - e abbiamo contattato la polizia municipale di Camaiore e Massarosa». A Camaiore nessun problema: è bastata una semplice comunicazione.
E infatti sia venerdì che ieri i sindacalisti hanno distribuito volantini in centro e a Lido. A Massarosa invece la municipale ha invitato Doriana Francesconi a rivolgersi alla I.C.A., la società a cui l’amministrazione da qualche anno ha affidato l’incarico. «La ditta - dice la sindacalista - mi ha detto che si paga anche solo per rimanere un paio d’ore al mercato per distribuire volantini». Non si tratta della spesa: 3 euro per ogni persona impegnata a volantinare. Che diventa un euro e mezzo per partiti e sindacati. «E’ una questione di principio - afferma - perché è assurdo chiedere soldi per un volantinaggio».
In realtà poi la I.c.a. c’entra poco. Perché non hanno fatto altro che applicare alla lettera il regolamento comunale. «Posso capire - dice Andrea Antonioli, segretario versiliese della Cgil - che si facciano pagare le attività commerciali che sporcano, con i loro volantini pubblicitari, le strade. Ma se l’obiettivo è limitare questo aspetto 3 euro non servono certo a creare disincentivi ai supermercati e far pagare i sindacati - conclude - è ridicolo oltre che inammissibile».
Sulla questione intervengono anche Lucio Lucchesi e Stefano Natali, consiglieri provinciali e comunali dei Comunisti Italiani. «Da quando il servizio è stato esternalizzato - dicono - la Ica ha causato diversi problemi. Basta ricordare le cartelle pazze per la tassa sul suolo pubblico e il caos fatto con le associazioni di volontariato a cui si chiesero le imposte per la pubblicità sui loro manifesti». Il Pdci si è sempre detto contrario all’affidare ad una ditta terza un servizio comunale.
«Quando lo si fa - aggiungono - si dovrebbe avere almeno esercitare un controllo politico. Cosa che a Massarosa manca del tutto. E monetizzare il volantinaggio - concludono - significa minare alla base i principi democratici».
M.P. DA IL TIRRENO
Notizia del: mar 23 set, 2008

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

09-12-2019
Pasquale Cuomo, segretario generale di Flc Cgil Pisa, è il nuovo ....
09-12-2019
"Il cambiamento climatico è in corso: è anomalo, è più rapido ....
09-12-2019
Ammontano a 714 le società oggi presenti in Toscana che fanno ....
09-12-2019
E' scomparso Salvatore Vecchioni, ex comandante partigiano della ....
09-12-2019
L'impresa cinese di Prato frena per la prima volta in 20 anni: ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB® di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Français     Deutsch     Español     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)