EDITORIA: FAMMONI (CGIL), RIPRISTINARE CONTRIBUTI PUBBLICI "IN PERICOLO OCCUPAZIONE E PLURALISMO"
“La Cgil aderisce con convinzione all’iniziativa e chiede il necessario ripristino del diritto soggettivo dei giornali, quotidiani e periodici, editi in cooperativa, politici, di movimento e no profit, a godere dei contributi pubblici diretti all’editoria”. Così il segretario confederale della Cgil, Fulvio Fammoni, in un messaggio inviato all'Assemblea straordinaria di Mediacoop in corso a Roma.
“Questo diritto alla sopravvivenza di tante testate - precisa il dirigente sindacale - è il pilastro su cui si basa il pluralismo dell’informazione e delle idee sancito dalla Costituzione italiana”. Per la Cgil è quindi “indispensabile modificare l’articolo 44 del decreto legge 112, oggi legge 133, che tagliando pesantemente le risorse finanziarie, cancella questo diritto, sulla cui importanza per la libertà di informazione si è più volte espresso il Parlamento”. Questa stessa richiesta, fa sapere Fammoni, “sarà oggi da noi indirizzata al sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, con delega all’informazione e all’editoria, Paolo Bonaiuti e ai capigruppo di Camera e Senato”
Il provvedimento, denuncia il dirigente sindacale della Cgil, “ha immediate gravi conseguenze per decine di testate che già vivevano una difficile situazione finanziaria, con la certezza di metterne in discussione la sopravvivenza, i livelli occupazionali, il pluralismo e la qualità dell’informazione”. Queste testate della carta stampata, ma anche radio e tv private, “esprimono idee e rappresentano opinioni di movimenti, associazioni e organizzazioni della società italiana: sono organi di informazione che non godono dei favori del mercato pubblicitario, ma che sono radicate nella vita politica e sociale del paese”.
La Cgil, pertanto, conclude Fammoni, “ritiene indispensabile e urgente che il Parlamento discuta in una sede propria una vera riforma dell’editoria, che difenda il pluralismo e riordini i criteri di erogazione del contributo pubblico ai giornali, per evitare abusi e discriminazioni, incoraggiando processi innovativi e la qualità delle pubblicazioni. Per questo un'iniziativa forte e incisiva, di denuncia e mobilitazione, deve essere sviluppata fino alla modifica di questa norma sbagliata”.

Notizia del: mar 23 set, 2008

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

09-12-2019
Pasquale Cuomo, segretario generale di Flc Cgil Pisa, è il nuovo ....
09-12-2019
"Il cambiamento climatico è in corso: è anomalo, è più rapido ....
09-12-2019
Ammontano a 714 le società oggi presenti in Toscana che fanno ....
09-12-2019
E' scomparso Salvatore Vecchioni, ex comandante partigiano della ....
09-12-2019
L'impresa cinese di Prato frena per la prima volta in 20 anni: ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB® di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Français     Deutsch     Español     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)