CAMPI BISENZIO: SUNIA SU EMERGENZA ABITATIVA ''SITUAZIONE ESPLOSIVA"
 «A CAMPI c’è una tale gravità di casi sociali e un’emergenza abitativa che mi sento veramente di paragonare alle banlieu parigine. E’ una situazione che alla fine esploderà. L’ufficio servizi sociali ci invia ogni settimana dei casi che esulano dalle nostre competenze tecnico-giuridiche. Inoltre l’ufficiale giudiziario non comunica più nemmeno al Comune di Campi la lista degli sfratti esecutivi e li veniamo a sapere sul momento»: Susanna Meini è una responsabile del Sunia di Firenze, il sindacato degli inquilini che conta a Campi circa 1000 iscritti. «Nell’ufficio di via Buozzi – prosegue la Meini – ogni settimana riceviamo almeno 15 famiglie, molte delle quali mandate dai servizi sociali. Noi possiamo solo offrire consulenza sulla regolarità dei contratti, sulle modalità di partecipazione ai bandi Erp. Qui invece ci sono problemi di famiglie, soprattutto giovani coppie, single e padri separati che non riescono a pagare l’affitto, si riducono ad essere dipendenti di genitori e parenti o precipitano nella morosità.
Il Sunia non ha gli strumenti per intervenire o aiutarli e siamo preoccupati perché quest’emergenza sociale non la troviamo neppure a Firenze. Gli sfratti con forza pubblica sono due-tre al mese e Campi è il terzo anno che non fa un bando Erp, nonostante la Regione Toscana lo preveda ogni due anni. Stiamo cercando di avere un dialogo con il sindaco Chini e l’assessore Mengozzi ma ancora a mesi dall’insediamento della nuova giunta non ci siamo riusciti». Ecco un caso che il Sunia ha seguito nella compilazione dei moduli per il contributo affitto e che è stato respinto: «Una signora di sessantadue anni, con una pensione di 970 euro e 685 euro d’affitto mensili, più il condominio, aveva presentato domanda, dimenticandosi di firmarla. E’ stata esclusa, abbiamo presentato ricorso e anche questo respinto perché la firma è «un elemento essenziale ab origine».
VALUTEREMO se ricorrere al Tar. La signora ha perso un contributo annuo di tremila euro e ora è in difficoltà. Secondo noi è mancata un’attività istruttoria da parte del Comune perché la firma dovrebbe essere apposta davanti all’impiegato che attesta la notorietà dell’atto. Le domande dovrebbero essere esaminate prima di andare in commissione”. In totale sono stati 40 gli esclusi dal contributo affitto e nell’arco di due anni (2006-2008) è cresciuta del 29% la richiesta d’aiuto per pagare la pigione.
«L’AMMINISTRAZIONE – conclude la Meini – deve pronunciarsi sull’emergenza sfratti: le famiglie messe in strada ogni mese dove vanno a finire? C’è un “buco nero” a Campi che non trova uguali altrove. Qui ci sarebbe un patrimonio di gioventù e una dimensione multiculturale che dovrebbe essere considerata una risorsa Se è necessario e vogliamo fronteggiare l’emergenza chiediamo pure un incontro al Prefetto». Lo sportello del Sunia è aperto ogni giovedì dalle 14,30 alle 17 nei locali della Cgil.di M. SERENA QUERCIOL DA LA NAZIONE
Notizia del: ven 26 set, 2008

Condividi questo contenuto

Le ultime notizie

14-12-2019
Colpito da un toro, che lo ha spinto contro un muro, nell'azienda ....
14-12-2019
"Domani lavoriamo di nuovo per capire quale Ŕ il modo migliore ....
14-12-2019
Una scossa di magnitudo 3.0 Ŕ stata registrata a 5 km da Barberino ....
14-12-2019
Al via anche in Maremma 'Arcipelago Pulito', progetto sperimentale ....
14-12-2019
E' stato dissequestrato l'impianto della Tecnicart, azienda cartaria ....
©CGIL TOSCANA - progetto sviluppato con il CMS ISWEB« di ISWEB S.p.A. | Credits | Privacy CHI SIAMO ISCRIVITI
Italiano     English     Franšais     Deutsch     Espa˝ol     Russo
Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di pi¨ leggi la Cookies Policy Ok (Informativa Estesa)